ABRUZZO VALLEY / Ranalli: “Polo Automotive in fase 2.0 rilancia sulla ricerca meccatronica”

- La Redazione

Il Polo innovazione Automotive dell’Abruzzo rilancia la ricerca meccatronica, Il presidente Ranalli: via alla “fase 2” con una nuova programmazione al 2020 in squadra con Regione Miur. 

giuseppe_ranalli
Giuseppe Ranalli, presidente del Polo Innovazione Automotive

Conclusa la fase I – che ha portato a realizzare 8 progetti di ricerca regionali, altri 8 tra nazionali e comunitari e ben 24 progetti di trasferimento tecnologico – il Polo Innovazione Automotive abruzzese è pronto a raccogliere le prossime sfide lanciate con i nuovi bandi e progetti in ambito automotive. Per fare il punto su quanto realizzato, e anticipare progetti e prospettive future, è stato organizzato – presso la sede del Polo a Santa Maria Imbaro, in provincia di Chieti – un incontro sul tema “Risultati dei progetti di trasferimento recnologico, nuove opportunità e linee strategiche per la nuova programmazione”.

Le aziende aderenti al Polo – che attualmente sono 74 – hanno potuto confrontarsi con le nuove opportunità emerse a livello regionale, nazionale e comunitario. A livello regionale è stato pubblicato un avviso – PAR FSC 2007-2013 – relativo all’erogazione di aiuti a progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale destinato alle imprese automotive/meccatronica, per una dotazione finanziaria complessiva di 8,8 milioni di euro. Hanno partecipato 33 imprese operanti nei settori Automotive e Meccatronica, in particolare piccole, medie e grandi imprese aderenti ad una aggregazione (RTI, ATI o ATS) tra imprese o tra imprese e Università, Centri di ricerca pubblici e privati, e altri organismi di ricerca.

A raccontare quanto si sta realizzando in Abruzzo è intervenuto il vice presidente della Regione e assessore alle Attività produttive, Giovanni Lolli. Lolli ha ribadito e confermato il valore strategico del settore Automotive per lo sviluppo della Regione Abruzzo, ritenendolo un settore produttivo e tecnologico fondamentale, nel quale la ricerca, l’innovazione di prodotto e di processo assumono, sempre di più, un ruolo determinante anche in termini di maggiore sostenibilità e nuove opportunità. Molto si muove, in ambito automotive, anche a livello nazionale e comunitario. Iniziative e progetti, nello specifico, che coinvolgono il Cluster “Trasporti Italia 2020”- associazione di cui il Polo Automotive abruzzese fa parte – costituito da sessanta neoassociati, in rappresentanza dei maggiori player italiani, industriali e scientifici, tra cui Fca, Ansaldo Breda ed Ansaldo STS, Rete Ferroviaria Italiana, Fincantieri, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Politecnico di Milano e di Torino.

E proprio su “Il cluster Trasporti Italia 2020 e le opportunità nazionali e comunitarie” è intervenuto Enrico Pisino, Responsabile della Ricerca e Innovazione Veicolo del gruppo FCA. Pisino, in particolare, ha sottolineato quanto stiano diventando sempre più complesse le sfide tecnologiche per competere nel settore dell’industria automotive e più in generale per lo sviluppo di una mobilità sostenibile. Ha inoltre illustrato gli obiettivi che la Commissione Europea si è data per il programma di Horizon 2020, le opportunità dei relativi bandi nel periodo 2016/17 e l’approccio Italiano attraverso il Cluster Tecnologico Nazionale Trasporti per promuovere la crescita e l’innovazione, lavorando in rete e valorizzando le complementarietà, per essere protagonisti in Europa.

Il Polo Automotive 2.0, dunque, è pronto a raccogliere entrambe le sfide – quella regionale e quella nazionale/comunitaria – come ha sottolineato il presidente, Giuseppe Ranalli, nel suo intervento. “Dopo aver concluso 8 progetti di ricerca nell’ambito del Por Fesr 2007-13 della Regione Abruzzo, con un importo, in termini di investimento, di 4,2 milioni di euro, e dopo aver realizzato 4 progetti di ricerca nazionali e altrettanti europei, con investimenti rispettivamente di 2,8 e 2,4 milioni di euro – ha sottolineato Ranalli – il Polo Automotive è già entrato nella sua fase 2.0, con le numerose attività che coinvolgeranno i nostri soci, sia nell’ambito della Nuova Programmazione regionale che dei bandi del Pon Miur e Horizon 2020”. Ranalli ha posto l’accento sulla Smart Specialisation Strategy (S3 Abruzzo), il nuovo ciclo di Programmazione 2014-2020 che prevede le ‘traiettorie’ che consentono un utilizzo più efficiente dei fondi strutturali e un incremento delle sinergie tra le politiche comunitarie, nazionali e regionali. In particolare, si possono individuare 4 specifiche traiettorie, che rispondono a pieno alla mission del Polo Automotive:

• Nuovi veicoli professionali ecocompatibili;

• Nuovi materiali e sistemi produttivi ad altissima flessibilità, integrati, che consentano di produrre veicoli, con significative riduzioni di pesi, tempi e di costi;

• Nuovi approcci alla progettazione del prodotto che tengano conto di tutte le fasi del suo ciclo di vita nell’ottica del Green Design o Design for Environment;

• Tecniche per il controllo real time della qualità dei principali processi produttivi.

All’incontro hanno partecipato numerose aziende aderenti al Polo Automotive, oltre ad altre aziende interessate, amministratori locali e rappresentanti datoriali e sindacali. In particolare 9 aziende aderenti al Polo – Imm Hydraulics, Lazzerini, Vision Device, San Marco Veicoli, Tmc, Fontecal, Honda, Fca e Susta – hanno presentato i progetti di trasferimento tecnologico realizzati, e tutti conclusi. Si tratta di progetti di breve durata, con risultati concreti e di solito immediati, che introducono nuove tecnologie e metodologie per innovare processi o prodotti. Sono progetti che rispondono a due possibili obiettivi: superare una criticità riscontrata dall’azienda o soddisfare specifici fabbisogni emersi. Complessivamente il Polo Automotive ha attivato 24 progetti di trasferimento tecnologico, che hanno quindi permesso a molte delle aziende aderenti di innovare i propri processi produttivi, ridurre i costi o migliorare le prestazioni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori