TIR PERDE CARICO DI PATATE: MORTA 29ENNE/ Incidente Asse Mediano “lo temevamo”

- Emanuela Longo

Terribile incidente sull’Asse Mediano: tir perde il cassone, carico di patate travolge e uccide mamma 29enne, Borrelli “Lo sapevamo”

Turista investita e uccisa
Turista investita e uccisa (LaPresse, 2019)

Un incidente choc quello avvenuto sull’Asse Mediano, nella zona di Afragola, nel Napoletano, e nel quale oggi ha perso la vita una giovane donna. Un tir che trasportava quintali di patate avrebbe perso il suo carico che ha così travolto l’auto sulla quale viaggiava la 29enne, rimasta tragicamente uccisa. Dopo l’incidente il traffico è letteralmente paralizzato tra le uscite Acerra/Corso Italia e Afragola/Ipercoop. Quanto accaduto però, secondo il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli era nell’aria da tempo ed in parte la tragedia era purtroppo attesa. Lo si comprende dalle sue parole riportate da Today.it: “Una ragazza di 29 anni è morta dopo che la sua auto è stata travolta da un carico di patate, perso da un camion che procedeva in direzione opposta. L’incidente è avvenuto sull’Asse mediano nel tratto tra Afragola e lo svincolo autostradale dell’A1”, ha commentato Borrelli riprendendo la notizia. “Avremmo preferito avere torto ma è successo quello che temevamo, cioè che un trasporto effettuato in maniera pericolosa avesse potuto provocare un incidente mortale. Quel momento, purtroppo, è arrivato. Dopo mesi di denunce non possiamo che invocare un giro di vite, occorre che le forze dell’ordine contrastino con la massima determinazione in fenomeno”, ha chiosato. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

INCIDENTE CHOC SULL’ASSE MEDIANO

Un terribile incidente stradale mortale si è verificato oggi sull’Asse Mediano, nel tratto tra l’Ipercoop di Afragola e l’innesto sull’autostrada Napoli-Roma. Secondo le prime ricostruzioni riportate da Fanpage, un tir che procedeva in direzione Acerra avrebbe perso lo “scarrabile”, ovvero il cassone dove viene stoccata la merce da trasportare. A quel punto i portelloni di sarebbero sganciati e l’intero carico si sarebbe riversato nella corsia opposta, investendo e uccidendo una giovane 29enne che sopraggiungeva a bordo della sua Fiat 500. La ragazza sarebbe stata letteralmente travolta da quintali di patate che non le avrebbero lasciato scampo. Purtroppo la giovane non avrebbe potuto evitarli in alcun modo andando così incontro al suo terribile destino. Subito dopo l’incidente choc sono stati prontamente allertati i soccorritori, giunti sul posto. Gli uomini del 118 hanno messo in atto tutte le operazioni di rianimazione ma ogni tentativo si è rivelato vano: per la 29enne non c’era più nulla da fare ed a loro è toccato l’arduo compito di decretarne il decesso.

TIR PERDE CASSONE, CARICO DI PATATE TRAVOLGE E UCCIDE UNA DONNA

Dopo l’incidente choc che ha visto coinvolti un tir ed un’auto, sul posto sono intervenuti anche gli uomini della polizia stradale di Napoli e della Polstrada del Compartimento di Nola al fine di gestire il traffico andato letteralmente in tilt ed avviare tutti i rilievi del caso. Per via del terribile sinistro, infatti, la circolazione si è letteralmente bloccata almeno fino alla fine degli accertamenti da parte delle forze dell’ordine. La vittima è una giovane di Forchia, in provincia di Benevento, ha 29 anni e Stando a quanto reso noto da Ottopagine.it si chiama Imma P. La ragazza lavorava come hostess all’aeroporto di Capodichino e stava tornando a casa dopo il lavoro quando è stata travolta dal carico con quintali di patate che si è sganciato dal tir. La vittima lascia un bambino di appena due anni. Ancora da chiarire il motivo per il quale lo scarrabile si sia staccato dal mezzo pesante. Potrebbe infatti trattarsi di un errore di manovra o di un guasto tecnico relativo al meccanismo di agganciamento. Saranno tuttavia i rilievi eseguiti a fare chiarezza ed al momento non si esclude che il cassone fosse carico oltre il limite consentito e che proprio l’eccessivo peso abbia compromesso i sistemi di sicurezza facendolo sganciare e travolgendo la donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA