“INTER NON HA PAGATO PRIMA RATA CARTELLINO HAKIMI”/ Ora il Real Madrid…

- Dario D'Angelo

Inter, dalla Spagna: i nerazzurri non hanno pagato la prima rata del cartellino di Hakimi al Real Madrid come da patti iniziali. La situazione

Achraf Hakimi, esterno dell'Inter
Achraf Hakimi, esterno dell'Inter (Web. 2020)

L’Inter non ha pagato il Real Madrid per Hakimi. Questa la bomba che arriva direttamente dalla Spagna e crea preoccupazione rispetto alla situazione finanziaria in cui versa il club nerazzurro. Botto del mercato interista, arrivato a Milano per 40 milioni di euro – fino ad oggi motivati da un andamento eccellente che parla di 6 gol e 5 assist in 23 partite – stando a quanto riportato da “El Confidencial“, l’Inter non ha ancora corrisposto alle “merengues la prima rata del pagamento, pari ad un terzo dell’importo (13 milioni di euro), così com’era stato pianificato in sede di trattativa. Una situazione, quella relativa al mancato rispetto del pagamento delle rate del cartellino di Hakimi, che rischia non solo di mettere in subbuglio l’ambiente nerazzurro alla vigilia di una partita decisiva come quella contro la Juventus, ma anche di provocare un significativo danno d’immagine al club.

“INTER NON HA PAGATO PRIMA RATA CARTELLINO HAKIMI”

Ma qual è la situazione tra Inter e Real Madrid sul fronte Hakimi? Ci sono delle frizioni tra i due club visto il mancato pagamento della prima rata da parte della società nerazzurra? Stando a quanto riportato da calciomercato.it, il club spagnolo avrebbe mostrato la massima comprensione nei confronti della squadra italiana, consapevole che il calcio ai tempi del coronavirus ha significato per tutte le società una contrazione delle entrate economiche e di conseguenza un ripensamento delle spese. Attualmente, dunque, i rapporti tra Inter e Real Madrid vengono descritti come “ottimi” e all’insegna della “reciproca fiducia“. Inevitabilmente, però, il perdurare di questa condizione rischia di avere delle ripercussioni su tutto l’ambiente. Da parte dell’Inter è lecito attendersi una nota ufficiale per fare chiarezza?

© RIPRODUZIONE RISERVATA