Ivermectina, in Perù ridotti 14 volte numero morti/ Studio: “Con vaccini è efficace”

- Luca Bucceri

L’ivermectina, un farmaco antimalarico premiato col Nobel nel 2015, ha ridotto la mortalità in maniera significativa in Perù

Ivermectina ivermectin coronavirus
Ivermectina, farmaco antiparassitario (Web, 2020)

Oltre oceano continua il dibattito sul possibile uso dell’ivermectina nelle cure contro il Covid-19. Il farmaco, per il quale ancora manca il parere della FDA sull’efficacia contro il coronavirus, è somministrato anche alle donne incinta e anche a bambini e neonati, ma nella lotta al virus ha trovato diversi muri alzati dall’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti farmaceutici. Una nuova ricerca, pubblicata su Science Direct prova però a mettere in dubbio l’idea americana, confermando come altri studi l’effettiva utilità del farmaco contro il coronavirus.

Insignito del premio Nobel per la medicina nel 2015, l’ivermectina è un farmaco antimalarico usato principalmente per malattie tipicamente tropicali, ma nel marzo 2020 è stato utilizzato in alcuni casi contro il Covid-19. Dai primi rilievi è stato possibile scoprire inizialmente che i casi trattati con l’antimalarico non si aggravavano e che il numero di decessi fosse sotto controllo, ma dalla Food and Drugs Administration non è mai arrivato il via libera per il trattamento. Nello studio pubblicato dalla piattaforma scientifica è arrivato un chiaro esempio dell’efficacia del farmaco in un paese come il Perù nel quale l’uso dell’ivermectina ha ridotto di 14 volte il numero dei decessi e una volta bandito dal nuovo presidente a fine 2020 i morti sono aumentati nuovamente, con numeri 13 volte maggiori ai mesi precedenti.

In Perù ridotti 14 volte numero morti: “Con vaccini è efficace”

Lo studio pubblicato su Science Direct, condotto dagli studiosi Santin, Scheim, McCullogh, Yagisawa e Borody pubblicato ad agosto, dimostra come l’ivermectina possa avere un’efficacia non trascurabile contro il Covid-19. Stando alla ricerca pubblicata sulla piattaforma scientifica, infatti, primi studi su animali hanno permesso di riscontrare dei miglioramenti nell’infezione da coronavirus. Nello specifico gli studiosi hanno trattato criceti e topi col farmaco, osservando la diminuzione della carica virale e miglioramenti nell’incidenza di anosmia (la perdita dell’olfatto) e riduzione dei danni epatici.

Gli studi, condotti in vari paesi del mondo anche sull’uomo, hanno poi dimostrato che anche il rischio relativo di mortalità con trattamento da ivermectina è stato ridotto, con soli 31 decessi sui 1101 casi trattati. La ricerca si è poi concentrata sui trattamenti combinati tra IVM e coadiuvanti che ne hanno dimostrato l’efficacia. Nello specifico, si evince dallo studio, i dati emersi supportano favorevolmente l’estensione del trattamento insieme alle vaccinazioni, perché il legame con la proteina Spike potrebbe produrre piena efficacia contro i ceppi mutanti del virus. Da Science Direct è arrivata dunque un’altra pagina del dibattito pro o contro ivermectina, con la palla che passa alla FDA per le valutazioni del caso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA