Jo Squillo spopola con Jo in the house/ “Grazie per l’affetto, ripartiamo dall’amore”

- Davide Giancristofaro Alberti

Jo Squillo sta spopolando sul web grazie al suo dj set “Jo in the house”. Oggi, intervistata da Storie Italiane, ha voluto ringraziare il suo pubblico

Jo Squillo
Jo Squillo (Facebook, 2018)

Tanti gli ospiti di questa mattina a Storie Italiane, fra cui la cantante Jo Squillo. L’imprenditrice meneghina è senza dubbio una della protagoniste di questo periodo di quarantena grazie al suo famoso dj set streaming via social, che è divenuto un appuntamento fisso per molti. “Tutte le notti faccio questa cosa di “Jo in the house” – esordisce la cantante – il giorno di Pasqua, che era il giorno dell’unione, ho pensato di fare unire le menti, ho messo anche te Eleonora nella mia chat un po’ folle – ha proseguito – gli artisti non hanno un sindacato quindi è forse il momento che anche loro si mettano tutti assieme per distruggere un po’ questo meccanismo di guerra”. La Squillo si sente quindi di ringraziare il pubblico da casa che la sta seguendo con grande affetto: “Grazie per tutto questo affetto, è un po’ il segno di questo periodo, prendersi cura l’uno dell’altro. E soprattutto usate l’amore per le donne, il rispetto, il mondo deve ripartire con più amore”.

JO SQUILLO TERZO TOP DJ DELLA QUARANTENA

In collegamento anche Simone Marchetti, direttore del noto mensile Vanity Fair, che parlando della Squillo ha affermato: “Jo è riuscita a portare la luce in un momento buio, viviamo in un momento in cui le istituzioni hanno spaventato le persone, Jo si è inserita in questo buio, facendoci vedere la luce. L’arte come il cinema e la musica sono dei beni a cui non si può rinunciare – ha aggiunto il direttore di Vanity Fair – sono bene primari e ci aiutano a essere migliori e a sognare”. E a proposito dei dj set casalinghi, nella giornata di ieri è stata stilata una classifica speciale grazie ad un sondaggio realizzato da Klaus Davi che ha chiesto agli italiani quali siano i dieci migliori dj di questo periodo di quarantena. Il più apprezzato è risultato essere il grande Albertino, seguito da Gabry Ponte, con Jo Squillo medaglia d’argento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA