La Matassa, Canale 5/ Streaming video del film di Ficarra e Picone (29 agosto)

- Matteo Fantozzi

La matassa in onda oggi, giovedì 29 agosto, in prima serata, alle 21 e 20 su Canale 5. Protagonisti sono Ficarra e Picone. Come seguirlo in diretta streaming.

la matassa 2019 film
La matassa

In La matassa “Ficarra e Picone si divertono a litigare sul tema dei rapporti famigliari. Ci troviamo di fronte a un umorismo d’altri tempi e a un copione che risulta solido”. Così racconta il film Marianna Cappi a MyMovies, promuovendolo con la sufficienza cioè due stellette e mezzo sulle cinque a disposizione. Aggiunge: “Salvo Ficarra e Valentino Picone ad un capo all’altro da La Matassa da sbrogliare. Calcano nuovamente le orme della commedia all’italiana, trattando in chiave comica quello che è un tema che si presta a uno svolgimento serio o drammatico”. Ci troveremo di fronte a risate e anche a qualche sana riflessione senza però troppo impegno. La matassa sarà in onda su Canale 5 a partire dalle 21.20 e lo potremo seguire anche in diretta streaming sui nostri dispositivi mobili cliccando qui. (agg. di Matteo Fantozzi)

Curiosità sul film

Il film La matassa fa parte di una lunga serie di pellicole girate dal duo comico. I due attori come altre volte hanno deciso di testare la loro bravura anche nella regia e non solo come attori. All’interno di alcune scene del film, appariranno personaggi che fanno parte realmente della vita di Ficcarra. Saverio, il cane ad esempio, è interpretato veramente dal cane di Ficarra così come il neonato e la mammaall’interno della chiesa dove stanno celebrando un battesimo, in realtà sono la moglie Rossella Leone ed il secondo figlio di Ficarra. La storia è girata in Sicilia, tra Catania e Paternò.

Protagonisti Ficarra e Picone

La matassa è un film del 2009 che andrà in onda oggi, giovedì 29 agosto, in prima serata, alle 21.20 su Canale 5. Il film è diretto da Giambattista Avellino e dal duo comico Ficarra e Picone che sono anche gli attori protagonisti. La pellicola è una commedia italiana prodotta da Medusa film con le musiche di Paolo Buonvino e la sceneggiatura di Ficarra e Picone e Fabrizio Testini. Tra gli attori ci sono anche Anna Safroncik protagonista della serie Le tre rose di Eva, Pino Caruso, Domenico Centamore, Giovanni Martorana, Mario Pupella.

La matassa, la trama del film

Diamo uno sguardo alla trama de La matassa. Due cugini Gaetano e Paolo sono inseparabili fino a quando all’età di dieci anni, i loro padri, fratelli, per interesse ed egoismo litigano e non si parlano più. Paolo e Gaetano continuano a vivere le loro vite, il primo conduce brillantemente un hotel mentre Gaetano è titolare insieme alla moglie Olga di un’agenzia che combina matrimoni al fine di far acquisire a stranieri la cittadinanza italiana. Anche il matrimonio di Gaetano è infatti combinato per far ottenere alla donna la cittadinanza italiana. Un giorno, Paolo è al funerale del padre e Gaetano credendo fosse la chiesa dove doveva essere celebrato il matrimonio tra una sua cliente e un vecchietto siciliano cui doveva fare da testimone si imbuca. Gaetano per sbaglio origlia anche la confessione del cugino che credendosi in punto di morte confessa di voler lasciare l’hotel al cugino. Dato che la malattia di Paolo è una banale influenza, Gaetano fingendo di volersi riappacificare con lui lo convince di essere davvero malato falsificando i suoi esami medici. Ma pentendosi delle sue azioni torna sui suoi passi, ma ormai è troppo tardi, Paolo sta per suicidarsi. A sbrogliare la matassa ci pensa Antonio che dice a Paolo la verità su Gaetano. Le cose alla fine si concluderanno al meglio e i due cugini faranno pace. La rocambolesca storia si intreccia con un tentativo di estorsione ai danni di Paolo che insieme al cugino e con la collaborazione della polizia riusciranno a far arrestare i mafiosi siciliani. Gaetano che intanto ha divorziato sposerà la donna russa di cui ha tentato il matrimonio con il vecchietto siciliano mentre Olga la sua ex moglie proseguirà la sua attività insieme ad Antonio che le fa apertamente la corte.



© RIPRODUZIONE RISERVATA