Lapo Elkann, fisioterapia a St. Moritz/ Foto, riabilitazione dopo l’incidente d’auto

- Davide Giancristofaro Alberti

Lapo Elkann, fisioterapia a St. Moritz, foto. Continua la fisioterapia per il 42enne rampollo di casa Agnelli, a seguito del duro incidente d’auto avvenuto in Israele

alpo elkann chi 2020
Lapo Elkann (Chi)

Prosegue la riabilitazione di Lapo Elkann, rampollo di casa Agnelli, a seguito dell’incidente d’auto avuto fra Gerusalemme e Tel Aviv. Il fratello del numero uno di Fca, era stato protagonista di un brutto incidente lo scorso 7 dicembre in Israele, che aveva fatto andare lo stesso in coma, per due giorni. Quando si è svegliato, poi, Lapo si è scoperto pieno di acciacchi e ammaccature profonde, oltre ovviamente allo spavento e al disagio psicologico subito, avendo scampato la morte. Elkann sta comunque piano-piano guarendo, e lo stesso si è mostrato fortemente determinato e voglioso di poter tornare il prima possibile al 100%, lasciandosi alle spalle questa brutta vicenda. A testimonianza di ciò, il servizio del settimanale di gossip “Chi”, diretto da Alfonso Signorini, attuale conduttore del Grande Fratello Vip.

LAPO ELKANN, ADDIO ALLA SEDIA A ROTELLA

Il magazine, nel suo numero in edicola domani, 22 gennaio 2020, pubblica alcune foto che vedono l’Elkann in compagnia della fisioterapista Marit Pasig, che dirige un centro specializzato di altissimo livello in Svizzera, nella località sciistica di Sankt Moritz. Lapo si sta sottoponendo a tre ore di seduta alla settimana, un percorso che il paziente vip ha potuto iniziare subito dopo che i danni più rilevanti post-incidente erano guariti, permettendogli appunto di sottoporsi a fisioterapia specifica. La cosa certa è che Lapo, rispetto a più di un mese fa, sta decisamente meglio, ed ha recuperato anche i dieci chilogrammi che aveva perso subito dopo l’incidente, con un viso che appare sempre più sereno e sempre meno scavato. Il 42enne nato a New York cammina ancora con un bastone (fino a poco tempo fa era in sedie a rotelle), ma solamente nei momenti in cui è maggiormente affaticato. Con la dottoressa Pasig sta lavorando al recupero della muscolatura, nonché alla coordinazione e all’equilibrio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA