Concorso Inps 2018/ Bando per 967 funzionari: come inviare la domanda e le prove d’esame

- Silvana Palazzo

Concorso Inps 2018, bando per 967 funzionari: come inviare la domanda e le prove d’esame, requisiti e scadenze. Le ultime notizie con le informazioni per partecipare alla selezione

reddito di emergenza
Lapresse

L’Inps assume: l’ente previdenziale ha pubblicato nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale un bando di concorso per 967 posti. C’è tempo fino alle 16.00 del 28 maggio 2018 per inviare online la propria candidatura. Il concorso in questione prevede l’assunzione di 967 consulenti di protezione sociale, che verranno inseriti in tutto il territorio nazionale come funzionari. Per quanto riguarda, invece, l’inquadramento, i nuovi funzionari verranno inseriti nell’Area C, posizione economica C1. Ci sono diversi requisiti da soddisfare per ottenere l’ammissione al concorso (clicca qui per il nostro approfondimento). Le domande dovranno essere inviate attraverso il sito dell’Inps. Basta accedere usando il PIN, SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CNS (Carta Nazionale dei Servizi). Una volta inviata la propria domanda, colui che si è candidato deve stampare la domanda protocollata, firmarla e consegnarla nel luogo e nel giorno prestabilito della prima prova scritta, o dell’eventuale prova preselettiva, pena l’esclusione dal concorso.

CONCORSO INPS 2018: LE PROVE D’ESAME

Il concorso Inpos, come precisato nel bando, prevede due prove scritte e una orale. Non è ancora nota la data, che verrà pubblicata sul sito dell’Inps e in Gazzetta Ufficiale almeno 15 giorni prima della data di inizio. L’ente previdenziale ha precisato che se le domande saranno oltre diecimila, cosa più che probabile, ci sarà una preselezione dei candidati, caratterizzata da quesiti a risposta multipla. La prima prova scritta, che si ritiene superata con il punteggio di almeno 21/30, verterà sulle seguenti materie: bilancio e contabilità pubblica; pianificazione, programmazione e controllo e organizzazione e gestione aziendale; diritto amministrativo e costituzionale; diritto del lavoro e legislazione sociale. La seconda invece sarà attinente alle seguenti materie: scienza delle finanze; economia del lavoro; principi di economia; diritto civile; elementi di diritto penale. La prova orale verterà sulle stesse materie oggetto delle prove scritte, nonché inglese e informatica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori