Lazio, Lotitò pagò in nero Zarate?/ Le Iene, servizio non va in onda: inchiesta Figc

- Carmine Massimo Balsamo

Lazio, Lotitò pagò in nero Zarate? Le Iene realizza servizio, ma non va in onda oggi: perchè? Intanto la Figc apre inchiesta sul caso

lazio lotito zarate le iene
Claudio Lotito, il Presidente della Lazio (LaPresse)

Non andrà in onda stasera il servizio de “Le Iene” sulla Lazio e Zarate. Era in programma per questa sera, ma visto il clamore suscitato dall’annuncio della messa in onda, il programma ha deciso di dare un diritto di replica al presidente biancoceleste Claudio Lotito. Se però non volesse chiarire la sua posizione, allora il servizio verrebbe trasmesso la prossima settimana. Ma cosa è successo? L’inchiesta de “Le Iene” verte sul pagamento (parziale) in nero dell’ingaggio dell’attaccante argentino. Il programma ha intervisto lo stesso Zarate, ma bisognerà attendere per conoscere le sue dichiarazioni. Nel frattempo le acque si agitano. Il capo della Procura della Federcalcio, Giuseppe Chinè, dopo aver appreso le anticipazioni ha deciso di aprire un procedimento nei confronti del presidente della Lazio e del calciatore. Potrebbero configurarsi violazioni della disciplina fiscale e di redazione dei bilanci. Stando a quanto riportato da Repubblica, sarà acquisita la documentazione dell’inchiesta che già a suo tempo svolse la Procura Federale sulla stessa vicenda e le immagini del servizio realizzato. (a cura di Silvana Palazzo)

LAZIO, LOTITÒ PAGÒ IN NERO ZARATE?

Laziò, Claudio Lotito pagò in nero Mauro Zarate: Le Iene hanno messo nel mirino la società biancoceleste ed hanno acceso i riflettori sull’acquisto dell’attaccante argentino nel 2008, ma il servizio non andrà in onda questa sera. Ma andiamo per gradi: Filippo Roma e Marco Occhipinti hanno ultimato un servizio sul trasferimento dell’ex Inter al club capitolino, con le dichiarazioni choc dell’agente Luis Ruzzi: a suo avviso, infatti, Lotito avrebbe pagato regolarmente solo una parte dell’ingaggio di Zarate – 7 milioni in 5 anni – mentre l’accordo sarebbe stato per 20 milioni.

Secondo quanto ricostruito da Le Iene, la differenza sarebbe stata versata come commissione per la stipula del contratto alla società Pluriel Limited, che avrebbe poi rigirato la somma alla società di Sergio Zarate, fratello del fantasista. Una mossa che avrebbe dunque permesso al patron laziale di risparmiare una parte cospicua delle tasse di quello stipendio.

LOTITO E ZARATE, SERVIZIO “LE IENE” NON VA IN ONDA

Il lancio dell’inchiesta ha acceso il dibattito e non sono mancate le polemiche sul caso. Tant’è che Le Iene hanno reso noto che il servizio di Roma e Occhipinti non verrà trasmesso questa sera, come in un primo momento programmato. Il programma in onda su Italia ha spiegato di voler concedere un diritto di replica a Claudio Lotito: «Diritto di replica che se fosse contestuale all’inchiesta proposta chiarirebbe senza margine di ambiguità l’intera vicenda. Nel caso in cui Lotito non volesse cogliere quest’opportunità, il servizio sarà regolarmente in onda martedì 2 giugno». Per il momento il club capitolino non ha replicato alle gravi accuse de Le Iene, che hanno messo in risalto come la tesi sia stata confermata anche dallo stesso Mauro Zarate. Non ci resta che attendere e scoprire cosa accadrà…



© RIPRODUZIONE RISERVATA