Levante/ “Io nata sotto il segno del senso di colpa: lo sto risolvendo ma…”

- Emanuela Longo

La cantante Levante si racconta: il suo secondo romando (anche) sull’amore ed il tema dei sensi di colpa, doloroso e difficile da affrontare

levante tuttifrutti 640x300
Levante, TuttiFrutti

La cantante e scrittrice Levante ha usato la scrittura per raccontare un percorso autobiografico e non solo. Un libro ed una canzone scritti dall’artista, intervistata per la rubrica “TuttiFrutti” in onda su RaiNews24. “A volte leggiamo dei traumi del nostro passato come degli eventi: è accaduto, ne ho preso atto, andiamo avanti”, ha commento Levante. Eppure, aggiunto, “i bambini dentro di noi non sono andati avanti se non li abbiamo curati”. Per questo, spiega, continuiamo a ripeterci nelle errori, inciampando sempre nel medesimo posto in cui sappiamo che c’è quell’ostacolo e nonostante questo continuiamo a metterci il piede.

Secondo Levante proprio lì bisogna “curare e raddrizzare il tiro”. La cantante ha aggiunto che proprio quanto siamo certi che la nostra sia la visione giusta, è quello il momento in cui occorre cambiare prospettiva e guardare anche attraverso gli occhi di qualcun’altro.

LEVANTE E IL SUO SECONDO LIBRO SULL’AMORE

L’intervista a Claudia Lagona in arte Levante arriva in concomitanza con l’uscita del suo nuovo romanzo “E questo cuore non mente”: “Faccio tornare Anita perché ho pensato che avesse bisogno di essere approfondita nella sua psicologia”. Quando ha scritto il suo primo romanzo, “Se non ti vedo non esisti”, a Levante è sembrato di non aver approfondito tanto il suo mondo. “Era come se avessi dipinto una pasticciona, una combina guai che poi però rimaneva un po’ in sospeso nel suo destino”, ha spiegato. Ecco perché l’artista ha deciso di andare fino in fondo e di scavare nella sua psicologia “e glielo faccio fare attraverso il percorso terapeutico”, ha aggiunto. Levante ha affrontato il tema del senso di colpa, per lei molto doloroso. “Io sono nata sotto il segno del senso di colpa”, ha ironizzato, “e lo sto risolvendo”. Il suo personaggio, Anita, portando la sua emotività non lo risolverà del tutto ma condiziona molto le sue relazioni. “Questo capita a tutti noi quando portiamo il senso di colpa: non ci relazioniamo in maniera onesta”, ha spiegato. Il suo è un libro “non sull’amore tra uomo e donna, ma sull’amore, nel senso che la cura di tutto, anche di quella bambina lì è l’amore. Perché quando manca amore ad un bambino mancherà sempre all’adulto”, ha chiosato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA