Linecheck Music Meeting and Festival/ A Milano, dal 19 al 24 novembre

- Lucio Valentini

A Milano, dal 19 al 24 novembre, si terrà il Linecheck Music Meeting and Festival. Alla sua quinta edizione, il festival avrà il suo centro nel BASE

Godspeed
Godspeed You! Black Emperor

A Milano, dal 19 al 24 novembre, si terrà il Linecheck Music Meeting and Festival. Alla sua quinta edizione, il festival avrà il suo centro nel BASE, il centro culturale di via Savona. Non è solo un festival di concerti live, è anche un meeting di professionisti del settore. Oltre al BASE, ci sono altre 5 location confermate: Cantina Urbana, Ex-Fornace, Jacaranda Liuteria Artigiana, nonostantemarras, Ostello Bello. Linecheck è partner della Milano Music Week.

L’edizione di quest’anno è centrata sull’esplorazione della scena musicale del Canada. Il Canada è un vero unicum tra i paesi occidentali: ha il 22% della popolazione nata oltre il confine, è una nazione nata bilingue, con una storia di apertura e accoglienza. La scena musicale canadese non è per nulla gregaria rispetto alla più vasta scena americana: da Neil Young e Leonard Cohen ai più recenti Arcade Fire o Caribou, i suoi artisti si sono imposti al centro della scena musicale contemporanea, senza mai rinunciare alla loro diversità rispetto ai colleghi statunitensi.

Dopo l’apertura ai Magazzini Generali dove si esibiranno i Godspeed You! Black Emperor, un gruppo post rock di Montreal che ha fatto la storia della musica alternativa anni ’90, le attività si sposteranno sui Navigli. Ci sarà musica di tutti i generi, dal rock all’elettronica. La mattina e il pomeriggio invece saranno dedicati agli incontri: saranno più di 70, dedicati a professionisti del mondo della musica e operatori culturali che potranno confrontarsi sui temi più disparati. Sono attesi più di 2.000 delegati, di cui il 40% internazionali. Il tema centrale sarà l’export musicale, per capire come muoversi in mercati molto diversi come Canada, Russia, Medio Oriente, Francia. La sera sarà il momento dei concerti: si va dall’afrobeat di Pierre Kwenders e l’elettronica sperimentale di Ouri, al dream pop di Booty Ep e all’indie dei Plants and Animals. A questi artisti, tutti canadesi, si affiancheranno vari artisti italiani tra cui Giorgio Poi e altri artisti internazionali, per un totale di più di 50 spettacoli. Il linecheck è il momento, prima dell’inizio di un concerto, dove il segnale elettrico degli strumenti arriva al mixer. Lo spettacolo sta per iniziare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA