Luigi Favoloso a processo per stalking: accuse da un uomo/ “Pronto a farmi arrestare”

- Chiara Ferrara

Luigi Mario Favoloso andrà a processo per stalking: le accuse sono state presentate da un uomo di 40 anni che aveva perseguitato Elena Morali

Elena Morali e Luigi Favoloso 640x300
Elena Morali e Luigi Favoloso (foto: web)

Luigi Favoloso andrà a processo per stalking: a denunciarlo è stato un uomo di 40 anni, che lo accusa di averlo perseguitato. La realtà, secondo quanto rivelato dal diretto interessato attraverso delle storie su Instagram, sarebbe molto diversa. L’ex compagno di Nina Moric ed Elena Morali, infatti, ha raccontato di essere lui la “vittima”, al contrario di quanto scritto sulle carte. “Nel 2020 ho portato a casa circa 65 denunce e tutte sono finite con un nulla di fatto (per motivi diversi non ho fatto né un giorno di processo né di galera). Tutte tranne una”, ha premesso.

“Secondo chi mi ha rinviato a giudizio ho commesso dello stalking. Chi è la vittima? No, non ho stalkerizzato una donna, ma un uomo di oltre 40 anni. Un uomo che a sua volta è stato denunciato per stalking proprio da Elena Morali e dal suo ex compagno Gianluca Fubelli. Un uomo che durante il lockdown dormiva in macchina sotto casa mia pur di vedere Elena. Che ci faceva seguire, pagando paparazzi e investigatori privati. Ma a differenza di Elena e Scintilla non ho mai denunciato”, ha raccontato. Una specie di cortocircuito dunque che va avanti da oltre due anni, dato che ormai Luigi Favoloso e la ex Pupa fanno coppia fissa dal 2020 ma le persecuzioni ai danni di quest’ultima risalgono a molto prima.

Luigi Favoloso a processo per stalking: accuse da un uomo. La scelta

Luigi Favoloso, nonostante sia a processo per stalking in virtù delle accuse dell’uomo di 40 anni, ha annunciato nelle storie di Instagram che non intende assumere un avvocato. “Non mi difenderò, non sprecherò un solo euro. Mi rifiuterò di rispondere a qualsiasi domanda e non chiamerò a testimoniare né Elena né Scintilla né nessuna delle centinaia di persone che hanno assistito a scene patetiche. Io so di avere fatto la cosa giusta, ovvero ciò che i miei valori mi hanno suggerito”. E conclude: “È un processo senza senso, sono pronto a farmi arrestare e giuro che lo farò”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA