Madalina Ghenea vittima di cyerbullismo e non solo/ “Qualcuno è entrato in casa sua!”

- Hedda Hopper

Madalina Ghenea vittima di cyerbullismo e non solo, la denuncia parte dal suo ufficio stampa che svela: “Qualcuno è entrato in casa sua!”

madalina_ghenea_instagram_2017
Madalina Ghenea mamma (Instagram)

Fino a qualche tempo fa parlavamo di Madalina Ghenea per via della sua possibile liason con Nicolò Zaniolo (poi smentita) ma adesso è arrivato il momento di andare oltre e pensare ad altro, tutto perché il suo ufficio stampa rivela che da anni ormai qualcuno la perseguita sui social e in questi ultimi mesi è addirittura entrato in casa solo per il gusto di farlo o di intimidirla visto che non è stato portato via alcun oggetto prezioso e nemmeno del denaro. L’ufficio stampa fa sapere che la bella modella è vittima da oltre sette anni di attacchi, offese gratuite e minacce, atti persecutori sui social che sono già al vaglio degli inquirenti in seguito a denunce formali contro ignoti già presentate nei mesi scorsi. Visto che le denunce non bastano e si continua a prendere di mira la modella, il suo ufficio stampa ha fatto sapere che qualcuno “continua a creare profili “fake” che contattano amici, parenti, ex fidanzati, colleghi di lavoro, brands con le quali Madalina collabora, ampliando sempre di più la platea di persone che vengono a conoscenza di insulti ed offese al solo fine di denigrare la sua immagine”.

Madalina Ghenea vittima di cyerbullismo e non solo

Nella nota ufficiale dell’ufficio stampa di Madalina Ghenea si continua a parlare delle denunce presentate ormai nel maggio 2020 e che adesso “verrà integrata con nuovo materiale probatori” visto che minacce e ingiurie non sono cessate e, come se non bastasse, di ritorno in Italia dopo un viaggio all’Estero per lavoro, ha scoperto che “ignoti hanno forzato la serratura della porta del suo appartamento per introdursi, senza, a quanto risulta, avere prelevato alcun bene o preziosi”. Il suo caso adesso è stato affidato ad un legale specializzato in cyberstalking”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA