Manca cibo per i lattanti: stato d’emergenza/ New York, Eric Adams lancia l’allarme

- Josephine Carinci

Manca cibo per i lattanti e scoppia lo stato d’emergenza a New York. Il sindaco Eric Adams ha lanciato l’allarme: cosa è successo

newyork sindaco ericadams 1 lapresse1280 640x300
Il neosindaco di New York, Eric Adams (LaPresse)

Grande preoccupazione a New York, dove il sindaco della città Eric Adams ha firmato l’Emergency Executive Order 98 ovvero lo stato d’emergenza, correlato alla carenza di alimenti per lattanti. Il Dipartimento per la protezione dei consumatori e dei lavoratori sarà così autorizzato a prevenire la contraffazione dei prezzi in quanto gli Stati Uniti sono alle prese con una carenza a livello nazionale di alimenti per lattanti. Il motivo è la chiusura temporanea di una struttura da parte di Abbott Nutrition, uno dei maggiori fornitori del Paese.

Adams ha affermato: “La carenza di latte artificiale a livello nazionale ha causato dolore e ansia inimmaginabili per le famiglie di New York e dobbiamo agire con urgenza. Questo ordine esecutivo di emergenza ci aiuterà a reprimere qualsiasi rivenditore che cerca di trarre vantaggio da questa crisi aumentando i prezzi di questo bene essenziale. Il nostro messaggio alle madri e alle famiglie in difficoltà è semplice: la nostra città farà tutto il possibile per assistervi durante questo periodo difficile”.

Stato d’emergenza, lo scopo della misura preventiva

Il delegato per la salute e i servizi umani Anne Williams-Isom ha dichiarato che “La carenza di alimenti per l’infanzia a livello nazionale sta danneggiando i genitori e le famiglie in tutta la nostra città in un momento in cui siamo ancora tutti sconvolti dalla crisi degli ultimi due anni”. Lo stato d’emergenza è dunque una misura fondamentale in questo contesto: “Questo ordine esecutivo garantirà a tutte le nostre agenzie di utilizzare tutti gli strumenti del loro kit di strumenti per fornire il latte artificiale a coloro che ne hanno bisogno e assicurarsi che i nostri newyorkesi più giovani rimangano”.

Anche il delegato per lo sviluppo economico e della forza lavoro Maria Torres-Springer ha parlato di quanto sta accadendo: “Le azioni che stiamo intraprendendo con questo stato di emergenza e ordine esecutivo inviano un messaggio chiaro a tutti i commercianti senza scrupoli che potrebbero cercare di trarre vantaggio da questa situazione”. I newyorkesi che pagano in eccesso per i materiali potranno presentare un reclamo all’indirizzo nyc.gov/dcwp o chiamando il 311 e dicendo di aver trovato un sovraccarico. “In qualità di agenzia per la protezione dei consumatori di New York, ci impegniamo a garantire che i rivenditori non approfittino di questa carenza di bene a livello nazionale per il proprio guadagno finanziario”, ha affermato il commissario DCWP Vilda Vera Mayuga“In sostanza, la carenza di alimenti per l’infanzia a livello nazionale è un problema di salute pubblica, innescato da carenze nei nostri sistemi economici e normativi”, ha dichiarato invece il commissario per la salute Ashwin Vasan.





© RIPRODUZIONE RISERVATA