Maria Grazia Cucinotta/ “Malore? Colpa della vita da teatro…”

- Mirko Bompiani

Maria Grazia Cucinotta a tutto tondo tra carriera e vita privata: “Gli haters li blocco tutti. Sulla chirurgia estetica dico…”.

Maria Grazia Cucinotta
Maria Grazia Cucinotta (Facebook)

Maria Grazia Cucinotta senza filtri nella lunga intervista rilasciata ai microfoni di Diva e Donna. L’attrice è reduce da un malore che ha spaventato tutti i suoi cari, nonché i suoi fan: «Ora sto bene, ho avuto solo un momento di defaillance a causa di una pasticca sbagliata ingerita al momento sbagliato, mi è scoppiata una sorta di colica». E c’è stata grande apprensione per le sue condizioni, ma non sono mancate le cattiverie sul web: «Qualcuno mi ha scritto “riposa in pace”, altri hanno rilanciato “si è rifatta ed è morta”». A proposito della chirurgia estetica ha spiegato: «Stupidaggini a raffica, sono abituata; però dico un “grazie” a tutti coloro che si sono preoccupati per me, il numero è nettamente maggiore dei soliti quattro cretini che poi blocco. Chi mi insulta lo cancello. E poi gli haters sono un gruppo di una ventina di persone. Sfigati che non si sono realizzati, ma la bellezza dei social è che con un clic li fai fuori».

MARIA GRAZIA CUCINOTTA: “MALORE? SONO STATA STUPIDA”

«Sono stata stupida: avevo la febbre alta, stavo male, ho preso una pasticca e sono andata. Dovevo fermarmi, e poi la tournèe è in assoluto complicata», ha spiegato Maria Grazia Cucinotta ai microfoni di Diva e Donna, che ha aggiunto: «Sono molto salutista e controllata, mentre in tournèe è inevitabile strafare; per fortuna sono stati bravi al pronto soccorso, perché all’inizio qualcuno aveva ipotizzato una pancreatite». Problemi legati dunque alla vita da teatro: «E’ la mia prima volta: ho capito cosa vuol dire girare, cambiare albergo sempre, vivere con la valigia, mantenere uno stato perenne di precarietà, e ora ho grandissimo rispetto per tutti gli attori di teatro». Una storia diversa rispetto al mondo del cinema, che «a confronto è una passeggiata di salute».







© RIPRODUZIONE RISERVATA