MARIO BALOTELLI AL FLAMENGO/ Super Mario dice sì al Brasile: con lui anche Enock!

- Dario D'Angelo

Mario Balotelli al Flamengo: offerto contratto di due anni e mezzo dalla storica società brasiliana. Lui ha già detto sì: ancora il rossonero nel destino.

balotelli 2018 lapresse 640x300
Balotelli con la maglia del Nizza, foto Lapresse

Sviluppi di calciomercato clamorosi per Mario Balotelli: l’ex attaccante di Milan e Nizza è pronto a vestire nuovamente di rossonero, ma stavolta indossando la maglia del Flamengo. Stando a quanto riportato da Sky Sport, Super Mario sarebbe in trattativa con il club brasiliano e avrebbe già dato il suo assenso al trasferimento in una delle squadre più gloriose del panorama internazionale. La società a righe orizzontali rossonere avrebbe offerto a Balotelli un contratto di due anni e mezzo e adesso si lavora per definire i dettagli di una trattativa imbastita grazie alla mediazione dell’agente Fifa Andrea Cattoli. Balotelli è pronto a recarsi in Brasile per finalizzare l’intesa con il Flamengo, che dal canto suo si è mosso direttamente con il vicepresidente Braz e il direttore sportivo Spindel per convincere Balotelli ad abbracciare il progetto rossonero.

MARIO BALOTELLI AL FLAMENGO

Dopo il Mondiale in Brasile 2014, quello che segnò il naufragio del progetto della Nazionale di Cesare Prandelli attorno a Balotelli, Super Mario sembra intenzionato a riannodare i fili con quella che resta la patria del calcio mondiale. Ma Mario non sarebbe l’unico Balotelli in procinto di iniziare un’avventura nel Paese sudamericano. Stando a quanto riferito da Sky Sport, infatti, con lui sarebbe pronto a trasferirsi anche il fratello Enock. Per lui sarebbe pronto infatti anche un contratto con il Boavista, squadra brasiliana dello stato di Rio de Janeiro. Rispetto al trasferimento di Mario Balotelli è impossibile non sottolineare la portata “storica” dell’operazione: Super Mario diventerebbe di fatto il primo calciatore italiano ad indossare la maglia del Flamengo. Insomma, la storia del calciomercato in attesa di provare a scrivere una pagina di storia del calcio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA