Martina Rosucci incidente hot/ Mondiale femminile, quando diremo stop al maschilismo?

- Matteo Fantozzi

Incidente hot di Martina Rosucci in panchina, si vedono le gambe e l’immagine diventa virale. Purtroppo il maschilismo è ancora dilagante e alcuni hanno perso l’occasione di fare silenzio.

martina rosucci 2019 tv
Martina Rosucci incidente hot

L’incidente hot di Martina Rosucci in panchina, durante la gara Italia Olanda valida per i quarti di finale del Mondiale femminile, è diventato in poco tempo virale. La ragazza infatti è apparsa su tutti i social network, con le gambe accavallate che lasciano davvero poco spazio alla fantasia. Il centrocampista classe 1992 della Juventus è considerata la più bella del gruppo azzurro e sicuramente ha creato scompiglio per una posa involontaria ma molto sensuale. Sono tantissimi dunque quelli che hanno deciso di pubblicarla sui social network riempiendo la ragazza di complimenti. Ricordiamo che ha avuto davvero pochissimo spazio nella competizione internazionale, questo perché la sua stagione è stata parecchio travagliata a causa di un brutto infortunio fisico che l’ha tenuta per parecchio ferma ai box.

Martina Rosucci incidente hot, maschilismo piaga da debellare

Purtroppo in Italia non abbiamo ancora capito nulla e l’incidente hot di Martina Rosucci ne è l’ennesima conferma. Le ragazze azzurre hanno fatto una bellissima figura al Mondiale femminile, anche se ai quarti di finale sono state costrette ad alzare bandiera bianca. Molti, non tutti per fortuna, però non sono riusciti a capire che lo sport è di tutti e che di fronte c’erano delle professioniste e non delle ragazze a cui dare dei voti per un concorso di bellezza. Per questo giudicare le gambe della Rosucci e non le sue azioni o i suoi assist è un atto di puro maschilismo. Già alcuni giorni fa era capitato un episodio analogo, con una foto di Barbara Bonansea, forse un fake, dalla quale si vedeva in trasparenza un tanga azzurro. Una cosa che tra l’altro, fosse anche reale, non sarebbe assolutamente strana e non dovrebbe fare notizia. Purtroppo alcuni hanno perso ancora una volta la possibilità di stare in silenzio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA