Massimo Rivola/ MotoGp, i segreti di Aprilia Racing: “Battere Quartararo si può”

- Verdiana Paolucci

Massimo Rivola, manager di Aprilia Racing, svela i segreti dietro il successo del team: primo nel mondiale di MotoGP, secondo in quello piloti, ma si può fare di più.

Espargaro MotoGp
MotoGp: Aleix Espargaro

Il mondiale in MotoGP è guidato dalla Aprilia Racing, team italiano capitanato da Massimo Rivola, ex direttore sportivo Ferrari, nonché colui che ha contribuito a lanciare il pilota monegasco Charles Leclerc in Formula1. Nella classifica piloti, il team è al secondo posto con Aleix Espargaró, ma secondo Rivola si può puntare ancora più in alto. Un successo tutto italiano che il manager dell’Aprilia Racing ha voluto raccontare in un’intervista concessa a Il Giornale, a cui ha svelato i segreti dietro il gran lavoro di squadra.

MotoGP, Massimo Rivola fiducioso: “Continuare a migliorare per battere Quartararo”

Al comando della classifica piloti nel mondiale MotoGP c’è Fabio Quartararo su Yamaha, che attualmente ha 21 punti di distacco dal secondo, Espargaró. Il podio non è irraggiungibile, come spiega Rivola nell’intervista: “Mi aspetto una lotta a tre tra Fabio, Aleix e Bagnaia. Ma non escludo neanche Bastianini e Martin.” Battere Quartararo non è impossibile, e si può “continuando a migliorare la moto”, spiega Rivola, che ha piena fiducia nel suo pilota di punta: “Aleix è un pilota speciale e anche in Olanda ne ha dato prova, facendo una rimonta alla Valentino Rossi. Lo vedo pronto a lottare per il titolo.”

MotoGP, i segreti dell’Aprilia Racing: “Lavorare seriamente e crederci”

Dietro al successo dell’Aprilia Racing prima in MotoGP c’è un gran lavoro di squadra, come ha raccontato Rivola a Il Giornale: “Lavorare seriamente, crederci e convincere le persone coinvolte che si può fare”. Grazie a un team di ingegneri provenienti dalla Formula1, l’Aprilia Racing ha integrato nuovo personale e introdotto un metodo di lavoro più strutturato che ha contribuito a rendere la moto più competitiva. “Per vincere bisogna però battere tutti”, prosegue Rivola, parlando della sfida per il mondiale tutta italiana contro la Ducati. “Per cui stiamo approfittando dell’assenza di Marquez e di una Honda in crisi.”







© RIPRODUZIONE RISERVATA