MICKEY ROURKE ‘VISO PARALIZZATO’/ E’ irriconoscibile: “il botulino l’ha rovinato!”

- Valentina Gambino

Mickey Rourke sfigurato dalla chirurgia estetica: muscoli del viso paralizzati per colpa del botulino: ecco le parole di un chirurgo

Mickey Rourke
Mickey Rourke

Mickey Rourke come non l’avete mai visto primo! Il celebre attore è apparso irriconoscibile a Good Morning Britain sfoggiando un look noto ai fan che lo seguono da tempo: un cappello da cow-boy in testa e una camicia nera aperta sul petto con tanto di tatuaggi in bella vista. Fin qui nulla di strano, se non fosse che l’attore del film cult “9 settimane e mezzo” è apparso irriconoscibile in volto. Non è una novità che Mickey si è sottoposto a diversi interventi di chirurgia estetica che gli hanno completamente cambiato il volto, ma questa volta l’attore ha davvero esagerato. A sottolinearlo è Hala Elgmati del Beyond Med Center di Londra che, facendo un’attenta analisi del viso dell’attore, ha detto: “il lavoro svolto da Mickey ha influito negativamente sulle sue proporzioni facciali, al punto che ora è abbastanza sconcertante per l’occhio umano”. Il chirurgo ha sottolineato come gli interventi abbiano non solo cambiato il volto dell’attore, ma creato una sorta di sbilanciamento: “Sospetto che Mickey abbia assunto dosi massime e complete di botulino per ottenere questo aspetto e che abbia fatto sistemare le sue labbra, ora troppo femminili”. Uno stravolgimento che ha sconvolto non solo i fan, ma anche i registi considerando le poche offerte ricevute dall’attore. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

Mickey Rourke, il chirurgo: “Il botulino l’ha sfigurato!”

Mickey Rourke è comparso nello show televisivo “Good Morning Britain”, lasciando i fan letteralmente sconvolti dopo averlo visto sempre più irriconoscibile. Un medico, interpellato sulla questione, ha spiegato che il suo viso è totalmente paralizzato dal botulino. L’attore si è mostrato notevolmente stravolto nei lineamenti, molto differenti dagli iniziali che avevano fatto innamorare le donne di mezzo mondo tra gli anni ’80 e ’90. Raggiunta dal Mirror, ha parlato un’esperta di chirurgia estetica: “A causa del botulino, i suoi muscoli sono praticamente paralizzati”. Il suo bizzarro look da cowboy con il suo fedele cane al fianco, non hanno colpito gli estimatori tanto quanto il suo aspetto, ormai “sfigurato” dalla chirurgia massiccia. Ogni volta che appare in televisione (sono sempre più rari i suoi interventi in programmi e show), si mostra sempre peggio, mostrando ormai un viso ben lontano da quello che le fan ricordavano e tenevano nel cuore. Non rimane pressoché nulla di quel volto che aveva incantato in pellicole storiche come “9 settimane e 1/2” o “L’anno del dragone”.

Mickey Rourke sfigurato dalla chirurgia estetica? Muscoli paralizzati

Mickey Rourke sfigurato dalla chirurgia estetica? La risposta è sì. L’attore 66enne dopo la sua recente apparizione a “Good Morning Britain”, ha letteralmente sconvolto il pubblico inglese. Il Mirror a tal proposito, ha addirittura intervistato un’esperta di medicina estetica, il medico Hala Elgmati del Beyond Med Center di Londra. “Fino ai quarant’anni, con un piccolo segno di invecchiamento, aveva un aspetto maschile e attraente. Ma il lavoro svolto da Mickey ha influito negativamente sulle sue proporzioni facciali, al punto che ora è abbastanza sconcertante per l’occhio umano. Ci sono stati molti studi scientifici su come quantificare” bellezza “e” attrattiva “. E tutto si riduce a determinati rapporti scientifici, che osservano la distanza tra i vari punti del viso. Nel caso di Mickey, quei rapporti sono stati tutti sbilanciati a causa del lavoro fatto sul suo viso”. La dottoressa sospetta anche che l’attore utilizzi una “parrucca cosmetica artificiale incollata al cuoio capelluto che viene cambiata ogni due mesi”. L’uso intenso del botulino avrebbe portato i suoi muscoli a uno stato di paralisi quasi permanente: “Sospetto che abbia assunto dosi massime di botulino per ottenere questo aspetto, più frequentemente di quanto avrebbe avuto bisogno. I suoi muscoli sono ora in uno stato quasi permanentemente paralizzato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA