Milano, No Green Pass: arresti e cariche/ Anarchici tentano assalto Regione Lombardia

- Niccolò Magnani

Caos a Milano per il corteo No Green Pass di sabato: arresti, scontri con la polizia e centro bloccato. Anarchici tentano assalto a sede Rai e Regione Lombardia

olga milanese
Milano, corteo No Green Pass (LaPresse, 2021)

Mentre a Roma i sindacati e la sinistra manifestavano contro i “fascismi” dopo l’assalto alla Cgil dello scorso sabato, a Milano andavano in scena immagini di fortissima tensione urbana questa volta con protagonisti il movimento di anarchici contro il Green Pass.

Il comune denominatore era appunto il “popolo” No Green Pass, con circa 15mila persone scese in piazza che hanno bloccato a lungo il centro di Milano: ma se nel caso di Roma i violenti erano un misto di Forza Nuova e movimenti di destra, a Milano – sempre con frange numericamente molto inferiori alla gran parte dei manifestanti pacifici – erano le forze anarcoidi di sinistra a contestare anche pesantemente l’introduzione del certificato verde per lavorare

IL TENTATO ASSALTO DEGLI ANARCHICI A MILANO

Cortei, contestazioni al Governo Draghi, trasporti bloccati e sit-in improvvisati in larga parte del centro di Milano: le circa 15mila persone intervenute ieri sotto la Madonnina contro il Green Pass hanno portato non pochi disagi alla cittadinanza. Questo anche perché la manifestazione – non autorizzata dal Prefetto di Milano – si è divisa più volte in diversi tronconi, partendo da Piazza Fontana, passando per due volte vicino al Duomo e finendo in tarda serata in piazzale Loreto. All’altezza di Via Borgogna le cariche maggiori della polizia che hanno tentato di impedire ai contestatori di avanzare: colpi di manganello frequenti anche se per fortuna feriti non se ne contano né tra i “No Pass”, né tra gli agenti. La Questura comunica che al momento 1 persona è stata arrestata per resistenza, 4 sono state fermate e saranno denunciate, 16 in tutto gli identificati. I gruppi per lo più “anarchici” hanno tentato in più momenti l’assalto alla sede di Regione Lombardia, alla Rai e a diversi negozi: tutto fallito, anche se lo scontro con gli agenti presenti sono stati frequenti. «Le continue manifestazioni danneggiano l’economia della città che con fatica sta cercando di ripartire», lamentano in un comunicato i commercianti di Confcommercio il giorno dopo gli scontri a Milano.



© RIPRODUZIONE RISERVATA