Minorenni danno fuoco ai capelli di un clochard e fanno video/ Chioggia sotto choc

- Carmine Massimo Balsamo

Chioggia, danno fuoco ai capelli di un clochard e girano un video: indagine dei Carabinieri su un gruppo di minorenni.

chioggia danno fuoco ai capelli di un clochard
Minorenni in azione (Chioggia Azzurra)
Pubblicità

Chioggia sotto choc per quanto accaduto la notte di Halloween: due minorenni danno fuoco ai capelli di un clochard e un altro giovane – maggiorenne – fa un video, le immagini finiscono sui social network e fanno il giro del web. Un episodio che ha scosso la comunità veneziana: 11 secondi di soprusi e violenze, con il senzatetto aggredito nel suo peschereccio senza motivo. Come riporta Chioggia News 24, la vittima è un uomo senza fissa dimora che vive di espedienti. L’ennesimo episodio di bullismo ai danni di clochard dopo i fatti di Verona e di Roma, senza dimenticare la tragedia di New York, ma gli aggressori non la faranno fianca: i tre sono già stati identificati dai carabinieri e segnalati alla Procura della Repubblica: per loro potrebbe scattare la denuncia per i reati di violenza privata e coercizione di incapace.

Pubblicità

CHIOGGIA, MINORENNI DANNO FUOCO AI CAPELLI DI UN CLOCHARD

Il video pubblicato su Instagram dura 11 secondi e nel giro di poche ore è diventato virale: è possibile vedere i due ragazzini che appiccano fuoco ai capelli del senzatetto 45enne con un accendino, con la vittima che resta impassibile, probabilmente per paura che possa accadere qualcosa di peggiore. Chioggia News 24 riporta inoltre che i Carabinieri non parlano di baby gang, ma unicamente di un brutale atto di bullismo. E, secondo Il Fatto Quotidiano, non sarebbe il primo episodio: il clochard sarebbe già stato preso di mira altre volte, in un’occasione sarebbe stato gettato in acqua senza ragioni. Attesi aggiornamenti nel corso delle prossime ore sui fatti di Chioggia: la vittima poco più di un mese fa, l’1 ottobre 2019, era già scampata ad un incendio sorto per cause naturali in un rifugio di fortuna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità