Moana Pozzi è viva?/ 25 anni dopo la scomparsa, Signoretti: “Eva Henger sa la verità”

A 25 anni dalla prematura morte, si riaccendono i dubbi sulla scomparsa di Moana Pozzi: Riccardo Signoretti sgancia la bomba su Instagram.

moana pozzi
Riccardo Signoretti su Instagram

25 anni fa, il 15 settembre del 1994, Moana Pozzi morì all’Hotel-Dieu di Lione. La pornostar più famosa d’Italia era ricoverata nella struttura assistenziale da cinque mesi e venne sconfitta da un carcinoma epatocellulare, anche se nel corso degli ultimi anni si è parlato molto di un decesso causato dall’Aids. Ma non solo: a causa del mistero sulle cause, si sono rincorse voci non controllate che affermavano che la notizia della morte della 33enne fosse falsa. E poco fa Riccardo Signoretti ha sganciato la bomba su Instagram: pubblicando la prima pagine del suo settimanale Nuovo, in edicola da giovedì, ha anticipato un’intervista choc all’ex pornostar Jessica Rizzo. E il titolo è chiaro: «Moana Pozzi è ancora viva? “Eva Henger sa la verità”». Cosa saprà l’ex diva dell’hard ungherese? E cosa afferma la Rizzo? Giovedì ne sapremo sicuramente di più…

MOANA POZZI E’ ANCORA VIVA?

Come dicevamo, non è la prima volta che si ipotizza che Moana Pozzi sia ancora viva. Nel corso degli anni, diverse testimonianze e alcuni documenti hanno riferito che in realtà la pornostar non sia morta, scenari sempre smentiti dalla famiglia. Nel dicembre del 2005 la trasmissione “Chi l’ha visto?” mostrò il certificato di morte redatto dall’Ospedale di Lione, senza dimenticare che i genitori della Pozzi abbiano a più riprese confermato la scomparsa della diva genovese. Lo stesso Rocco Siffredi ha recentemente affermato che non ci siano nè miti nè leggende: «Ho vissuto con lei l’ultima parte della sua vita. Era diventata magrissima, aveva perso più di 20 chili e aveva deciso di starsene in disparte. Era arrivata a vergognarsi di stare in mezzo alla gente. Moana non è scappata: è volata in cielo e questo è sicuro». Cosa sanno Jessica Rizzo e, soprattutto, Eva Henger?

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA