Mondiali calcio femminile 2019/ Italia, prove di 4-3-3: Rosucci cerca spazio in mezzo

- Claudio Franceschini

Mondiali calcio femminile 2019: l’ultima amichevole dell’Italia ha regalato tre gol e prove di 4-3-3 da parte del CT Milena Bertolini, che ha già in mente la sua formazione ideale.

risultati Italia femminile
Probabili formazioni Italia Olanda (da Twitter @Vivo_Azzurro)

I Mondiali di calcio femminile 2019 si avvicinano: l’Italia ha giocato mercoledì la sua ultima amichevole in preparazione alla kermesse francese, e l’ha vinta per 3-1 contro la Svizzera. Una sfida nella quale le azzurre hanno giocato bene, comandando la manovra e trovando tre reti meritate anche se le rossocrociate sono comunque riuscite a metterci in difficoltà in alcuni aspetti. In particolar modo sui calci piazzati, da cui infatti è arrivato il gol della Svizzera; ma anche in qualche ripartenza, con due gol annullati per fuorigioco che però hanno aperto una situazione da migliorare. Al termine della partita Milena Bertolini, intervistata ai microfoni di Rai Sport, si è detta soddisfatta: Siamo al 70% ma bisogna arrivare al 100% ai Mondiali” ha detto, convinta che l’Italia possa sicuramente dare di più. Intanto, come abbiamo visto, le reti sono arrivate da Aurora Galli, Cristiana Girelli e Daniela Sabatino: due di queste tre marcature hanno avuto origine da azioni sviluppate sulla sinistra, dove Barbara Bonansea rappresenta un’interessante arma tattica con i suoi movimenti ad accentrarsi, dando spazio alle sovrapposizioni del terzino ma anche della mezzala che gioca da quella parte.

MONDIALI CALCIO FEMMINILE 2019: PROVE DI 4-3-3

In vista dei Mondiali di calcio femminile 2019 dunque l’Italia prepara il 4-3-3: Alia Guagni, uscita per una botta subita nel finale del primo tempo, non preoccupa ed è interessante il fatto che la Bertolini l’abbia fatta giocare a sinistra, fascia opposta rispetto a quella che occupa nella Fiorentina. La nostra nazionale ha alcune certezze: Laura Giuliani in porta, Sara Gama al centro della difesa, il centrocampo che sembra formato con Aurora Galli da perno centrale stretta tra Manuela Giugliano – di fatto il vero playmaker delle azzurre – e Valentina Cernoia che si è alternata con Valentina Bergamaschi a destra, poi ovviamente la già citata Bonansea ma anche Ilaria Mauro, che è in vantaggio rispetto a Daniela Sabatino e Valentina Giacinti. Le quali sono le due migliori realizzatrici dell’ultima Serie A, il che ci dice dell’abbondanza che abbiamo nel reparto offensivo; da titolare però parte Cristiana Girelli, che tatticamente può essere determinante andando a svariare lungo il fronte offensivo ma risultando anche letale sotto porta (come ha fatto vedere). Elena Linari al momento è favorita per sostituire Cecilia Salvai al fianco di Gama, a giocarsi il posto verosimilmente possono essere Martina Rosucci (che ha appena recuperato dalla rottura del crociato) e Alice Parisi che arriva da una stagione più che ottima con la Fiorentina.



© RIPRODUZIONE RISERVATA