Morbo di Basedow, malattia Manila Nazzaro/ “Ho rischiato la vita, ero sola e…”

- Hedda Hopper

Morbo di Basedow, malattia Manila Nazzaro, cosa le è successo e come ha scoperto di essere malata? “Ho rischiato la vita, ero sola e…”

Manila Nazzaro
Manila Nazzaro

Morbo di Basedow, malattia Manila Nazzaro, cos’è?

Oggi Manila Nazzaro sarà a Verissimo per raccontare la sua storia e il suo rapporto con Lorenzo Amoruso ma non potrà non parlare anche di quella che è la sua malattia ovvero il Morbo di Basedow di cui ha scoperto di soffrire qualche anni fa. Ma di cosa si tratta? La sua malattia autoimmune ha colpito il suo corpo rischiando addirittura di lasciarla senza voce e costringendola ad un notevole aumento di peso di almeno 20 chili. Il morbo di Basedow-Graves costringe il sistema immunitario a riconoscere come estranea all’organismo la tiroide e quindi la attacca combattendo il recettore del TSH che si difende con una iperproduzione di ormoni tiroidei, T3 e T4. Tra le cause della malattia ci può essere la predisposizione genetica mentre come sintomi c’è l’accelerazione del battito cardiaco, l’aumentato senso di fame ma anche la difficoltà di concentrazione e l’insonnia.

Manila Nazzaro “Un incubo che ho affrontato da sola”

Manila Nazzaro ha scoperto di avere il morbo di Basedow-Graves nel 2004 e lei stessa ha dichiarato di aver dovuto affrontare tutto da sola perché le cose non andavano bene con quello che poi è diventato il suo ex marito, Francesco Cozza. Lei stessa ha spiegato anche in tv, e oggi farà lo stesso, che non è stato un momento facile e che con due figli, lontana da casa, è stato ancora peggio: “L’ho affrontato da sola, è stato un periodo molto buio. Ero ingrassata 20 chili, non mi riconoscevo e ho temuto di perdere pure la voce, ero instancabile, mangiavo poco e stavo sempre bene…Alla fine però, dopo due anni, il mio fisico, saturo del malfunzionamento della ghiandola, è crollato (…) Ero arrivata al punto di non riuscire nemmeno più a deglutire a causa della mia tiroide che era diventata enorme”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA