J-AX/ Chi è il cantante giudice a The Voice sul palco del Concerto del primo maggio 2015

- La Redazione

Tra i grandi nomi della musica italiana presenti al Concerto del primo maggio 2015 ci sarà anche J-Ax. Il suo vero nome è Alessandro Aleotti ed è anche giudice a The Voice

j-ax-infophoto
J-Ax (Infophoto)

Tra i grandi nomi della musica italiana presenti al Concerto del primo maggio 2015 ci sarà anche J-Ax. Il suo vero nome è Alessandro Aleotti e Milano gli ha dato i natali il 5 agosto del 1972. Le sue qualità artistiche cominciano a emergere molto presto, perchè è ancora un ragazzino quando si avvicina al mondo del freestyle e inizia a scrivere i primi pezzi rap. È durante l’adolescenza che sceglie il nome d’arte che lo accompagna ancora oggi e che trae spunto da Joker, il noto personaggio della saga di Batman.

Quando ha solo 20 anni, ovvero nel 1992, è tra coloro che partecipano alla creazione della pubblicità per la Fiat Uno Rap Up. A quel tempo è già il frontman degli Articolo 31, con cui arriva nei negozi con “È Natale (ma io non ci sto dentro)”. L’anno dopo arriva il momento di un vero e proprio disco, dal titolo “Strade di città”. Questo lavoro ottiene un soddisfacente riscontro a livello di critica e di pubblico, il tutto anche in virtù della trasmissione di alcune canzoni su Radio Deejay. Nel 1994 arriva nei negozi il secondo lavoro, dal titolo “Messa di vespiri”. In questo lavoro spicca la canzone “Oh Maria!”, la quale è una vera e propria elegia nei confronti della marijuana e che si aggiudica “Un disco per l’estate”. Dopo questo successo da vita a una “crew” il cui scopo è raccogliere il meglio dell’hip hop meneghino: il suo nome è “Spaghetti Funk”. Nel 1996 arriva il terzo lavoro in studio, dal titolo “Così com’è”.

Questo è il disco della consacrazione, perchè arriva a vendere addirittura 600 mila copie. Due anni dopo è la volta del disco “Nessuno”, che contiene la famosa “hit” “La fidanzata” e che porta gli Articolo 31 ad affermarsi nella categoria Best Italian Act in occasione degli Mtv Europe Music Awards. Provata l’esperienza letteraria con l’opera dal titolo “I pensieri di nessuno”, arriva quello che è il nuovo disco degli Articolo 31. Il suo titolo è “Perchè si!”. Il disco sarà seguito da un the best of con alcuni inediti. Il 2002 è l’anno di “Domani smetto”, lavoro che segna l’approdo degli Articolo 31 a sonorità di tipo pop-rock.

L’anno dopo arriva “Italiano medio”, che sarà l’ultimo disco del gruppo, la cui fine non è dovuta a problemi di rapporti personali tra J-ax e DJ Jad, ma solo a divergenze di natura artistica. J-Ax decide quindi di iniziare una carriera solista e fa arrivare nei negozi il disco “Di sana pianta”. Nello stesso periodo collabora con diversi artisti a lui affini, come Marracash. Nel 2007 convola a nozze con una fotomodella americana e continua a collaborare con diversi colleghi. Il 2009 è l’anno del nuovo disco solista, dal titolo “Rapp’n’roll”.

Il singolo che fa da apripista a questo nuovo lavoro è “I vecchietti fanno Oh”, che è una voluta parodia del famoso brano di Povia. Poco tempo dopo per J-Ax arriva una collaborazione con Pino Daniele, che lo vuole come compagno in due brani, oltre che la partecipazione al brano a favore dei terremotati dell’Abruzzo. Il terzo disco è “Deca Dance”: in questo lavoro, oltre all’amico Marracash, vi è anche la collaborazione con Jovanotti e, ancora una volta, con Pino Daniele.

Nel 2010 prende corpo “Due di Picche”, un progetto artistico nato da un’idea condivisa con Neffa. Questo progetto si concretizzerà in “C’eravamo tanto odiati”, disco che non avrà però un seguito. Nel 2011 si cimenta nel ruolo di veejay: presenta infatti “Hit List Italia”. Sempre in quell’anno è tra i protagonisti di una puntata di “Che tempo che fa” interamente dedicata ad Enzo Jannacci.

Dal 2013 è uno dei coach di “The Voice of Italy”, talent-show musicale in onda su Rai Due. A gennaio di quest’anno è uscito il suo nuovo disco, dal titolo “Il bello d’esser brutti” e che ha debuttato direttamente in prima posizione nella classifica italiana dei dischi più venduti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori