Stef Burns, chitarrista di Vasco Rossi/ Derubato degli strumenti: “non comprateli”

- Stella Dibenedetto

Stef Burns, il chitarrista di Vasco Rossi è stato derubato a Milano: sottratti tutti gli strumenti dal box della sua abitazione. L’appello sui social.

vasco rossi cantante 2018 e1541076401444
Vasco Rossi

Dopo essere rimasto lontano dalla propria abitazione per dieci giorni, tornato a Milano, Stef Burns, lo storico chitarrista di Vasco Rossi nonchè ex marito di Maddalena Corvaglia ha avuto una brutta sorpresa. Tutti i suoi strumenti del mestiere come chitarre, amplificatori, casse e pedaliere sono state rubate. Il furto, stando a quello che si legge su Milano Today sarebbe avvenuto tra il 18 e il 28 febbraio, giorni in cui il musicista sarebbe stato lontano dalla casa che ha a Milano. L’attrezzatura era custodita ne box dell’abitazione. Secondo la denuncia social di Stef Burns, i ladri sarebbero andati a colpo sicuro dal momento che, per entrare nel box, è necessario superare il cancello e scendere fino al piano -2 dove ci sono diversi box. Scoperto il furto, Stef Burns ha pubblicato un appello sui propri canali social.

L’APPELLO SOCIAL DI STEF BURNS

Il furto rappresenta una grave perdita per Stef Burns che, oltre a formalizzare la denuncia alle forze dell’ordine, ha scritto anche un appello sui social, sperando che chiunque si trovi di fronte alla sua attrezzattura, eviti di comprarla. “Mi hanno rubato tutto il mio backline dal box a Milano ! Qui l’elenco di tutto quello che è sparito: 2 – Marshall JCM 900 – modificato da MTech, 2 – Cassa Marshall 2 x 12 una Vintage e una 1960. Pedaliera grande MTech. Pedaliera media MTech. Trolley nera con Alessis Quadraverb, piccola pedaliera, midi controller e cavi. Zaino di pelle rustica con cavi, pedali, plettri ecc..
TC Voice Live in una valigetta con logo Vasco Indoor Tour. Albero di Natale mio e di Jamie. ATTENZIONE a chi vi propone di acquistare queste cose perché si tratta di roba rubata!”, scrive il musicista su Facebook sperando di poter ritrovare almeno parte della refurtiva.



© RIPRODUZIONE RISERVATA