NYV/ I ballerini oscurano la sua esibizione, il web: “non esprime nulla” (Amici 19)

- Valentina Gambino

Nyv alla finalissima di Tu si que vales, la cantante di Amici 19 sbarca in prima serata.

Nyvinne_web_2017
Nyvinne (web) a sarà Sanremo 2018

Nyv, in attesa di esibirsi durante la finale di Tu sì que vales 2019, si esibisce durante il pomeridiano di Amici 19. Nyv è stata chiamata a fare una performance esattamente come Gaia Gozzi. Nyv si è esibita con la sua chitarra mentre i ballerini danzavano intorno a lei. Un’esibizione che non è piaciuta a Rudy Zerbi, ma anche ad alcuni utenti di Twitter. “Nyv brava ma troppo asettica, non esprime nulla e poi basta tenere occhi chiusi e testa bassa”, “Ho guardato solo i ballerini. Hanno fatto tutto loro. Pazzeschi”, “hai rotto con questa canzone, sai fare altro?”. A non essere d’accordo con Zerbi e con il pubblico sono sia Emma Marrone che Alessandra Celentano che, invece, hanno apprezzato l’intera esibizione di Nyv che non ha sbagliato una nota nonostante le distrazioni (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

Nyv in crisi ad Amici 19

E’ crisi per Nyv ad Amici 19? La cantante nei giorni scorsi si è messa in gioco ma ben lontana dal rischio di uscire visto che non ha indossato la felpa rossa. Rimane il fatto che è stata un po’ strigliata, soprattutto da Alfonso Signorini per via della sua timidezza e della sua paura dello sguardo degli altri tanto da parlare sempre con gli occhi ben bassi. Il direttore, durante la sua lezione, le aveva promesso che avrebbe trattato l’argomento partendo da un suo inedito ma poi tutto è fallito, almeno se parliamo di messa in onda, scegliendo di mandare in tv sfide, votazioni e classifiche in vista degli esami di sbarramento e di due eliminazioni. Nyv è finita comunque sulle sedie che spettano ai migliori ma oggi si ritroverà contro Gaia Gozzi portando a casa la sconfitta perché, ancora una volta, sembra che il suo problema sia proprio quello di rapportarsi a chi la circonda sul palco. Riuscirà a fare meglio in diretta tv questa sera? (Hedda Hopper)

Nyv alla finalissima di Tu si que vales

Da Sanremo Giovani ad Amici 19 il passo è stato breve per Nyv. E adesso sarà ancora più breve quella che la porterà a Tu si Que Vales questa sera in occasione della finalissima. Questa sera la talentuosissima cantante si esibirà alla finalissima di Tu si que vales, dopo avere vinto un concorso interno sfidando altri protagonisti e allievi presenti attualmente nella scuola di Maria De Filippi. La sua timidezza la tiene un po’ lontana dal pubblico ma non dai professori che le riconoscono un talento importante, lo stesso che avrà modo di portare sul palco di un programma seguito come quello condotto da Belen Rodriguez e che questa sera sarà in diretta rispetto alle settimane scorse. Cosa farà Nyv al cospetto del pubblico in studio e di milioni di spettatori a casa? Sembra che la coreografia e l’intero numero che la vedrà al fianco di Federico sia stato studiato ad arte da Veronica Peparini che ha pensato per loro a cuori in studio e ballerini a fare da cornice. Nyv riuscirà ad alzare lo sguardo al cielo per amore della sua musica? (Hedda Hopper)

Nyv, l’autodidatta arrivata lontano

Nyv è autodidatta ed ha imparato da sola a suonare il pianoforte, la chitarra, il basso e ukulele. Scrive canzoni da quando ha 12 anni. “Vorrei essere per qualcun altro le canzoni che mi hanno aiutato. La mia vita ruota attorno alla musica. I miei amici suonano e a casa sono piena di strumenti. La musica è condivisione. Non ho mai studiato canto, sono tutta istinto. Mi piacciono le vocine dei cartoni animati, mi viene da farle anche nei momenti meno opportuni”. Quando ha partecipato al Festival della musica italiana, si faceva chiamare Nyvinne e la sua partecipazione data 2018 con il brano “Io ti penso”.Già durante Sanremo Giovani, attraverso le numerose interviste, Nyv aveva raccontato il suo stile musicale: “Sinceramente preferisco non definirmi in un modo solo, sicuramente rappresentano il mio modo di scrivere e di esprimermi sia dal punto di vista compositivo che per quanto concerne l’interpretazione. Le sonorità non sono altro che un vestito, ogni brano deve indossare quello giusto“. La passione per la musica è nata in lei molto piccola, a circa 6/7 anni ha iniziato a suonare e poi scrivere testi. Nata a Lussemburgo, ha origini tedesche e marocchine, vive da tantissimo tempo in Italia, tutto questo insieme di culture quanto ha contribuito alla sua crescita artistica? “In realtà è più un discorso di ascolti, anche se non ho mai ascoltato musica araba o canzoni tedesche, mi sono prevalentemente concentrata sul repertorio italiano, francese con la mia famiglia e, come tutti, su quello inglese. Tra i miei preferiti, cito Tiziano Ferro ed Elisa, due artisti nei quali mi ci rivedo molto”, ha svelato intervistata da Recensiamomusica.com.

© RIPRODUZIONE RISERVATA