Omicidio Angelo Vassallo/ Le Iene, Morra “istituzioni hanno fatto il loro dovere?”

- Emanuela Longo

Omicidio Angelo Vassallo, interviene la politica: Morra getta nuove ombre “dobbiamo domandarci se qualche istituzione non abbia fatto il suo dovere”

angelo vassallo iene
Omicidio Angelo Vassallo, Le Iene

In merito all’omicidio di Angelo Vassallo, sindaco di Pollica ucciso il 5 settembre 2010 con nove colpi di pistola, interviene anche il mondo della politica. Il caso è tornato al centro dell’attenzione nelle ultime settimane per via di una serie di servizi realizzati da Giulio Golia per Le Iene con i quali si tenta di indagare sul misterioso delitto. Ad intervenire nelle passare ore è stato anche Nicola Morra, presidente della commissione parlamentare antimafia e dal 2013 deputato per il M5s, il quale su Facebook ha commentato il lavoro svolto da Golia rispetto all’omicidio di Angelo Vassallo, dichiarando: “Giulio Golia ha raccolto nuovi elementi di grande interesse sulla storia dell’omicidio del sindaco di Pollica, ucciso il 5 settembre 2010 con nove colpi di pistola. A nove anni dall’omicidio non è ancora stato trovato il responsabile”. L’importante lavoro giornalistico eseguito da Golia è stato molto apprezzato da Morra che, ha spiegato, ha avuto modo di sentirlo telefonicamente per ringraziarlo di aver acceso i riflettori sulla triste vicenda ad oggi irrisolta.

OMICIDIO ANGELO VASSALLO: I DUBBI DI MORRA

Le ombre attorno al caso di Angelo Vassallo però sono ancora troppe e sempre il presidente della commissione antimafia, Morra ha gettato ulteriori ombre dichiarando: “Per accertare la verità tutti debbono fare il loro… e se son giornalisti a dare un contributo fondamentale, intanto li dobbiamo ringraziare. Poi però dobbiamo domandarci se qualche istituzione non abbia fatto il suo dovere”. Sono molti gli aspetti che non tornano nella vicenda illustrati nel corso dei precedenti servizi da Giulio Golia. In primis, l’elevato numero di carabinieri coinvolti ma anche il giro di droga nella frazione di Acciaroli di cui proprio Vassallo si era spesso lamentato nella caserma dei Carabinieri chiedendo un intervento duro in merito. Non solo: Le Iene hanno anche acceso i riflettori sul possibile ruolo avuto nella vicenda dal generale Domenico Pisani e dalla sua famiglia. Le Iene promettono di continuare ad indagare senza sosta ribadendo l’appello rivolto a chiunque possa fornire dettagli importanti per fare luce sul caso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA