Oppioidi aumentano i suicidi nei pazienti depressi/ “Maggiori le morti per overdose”

- Josephine Carinci

Una ricerca degli Stati Uniti dimostra come gli oppioidi aumentino il rischio di suicidi nei pazienti affetti da depressione. Lo studio

farmaco farmaco

Uno studio condotto dalla Columbia University Mailman School of Public Health e del Columbia University Irving Medical Center pubblicato sull’American Journal of Psychiatry evidenzia come la prescrizione di oppiacei sembri aumentare il ricorso al suicidio. La ricerca è stata iniziata dall’ipotesi opposta, ovvero quella che una rapida riduzione della prescrizione di oppioidi potesse provocare un aumento del rischio di suicidio tra chi è a rischio depressione. Come evidenziato dagli scienziati, i cambiamenti nella prescrizione di oppioidi e i tassi di suicidio regionali negli Usa sono correlati.

Come evidenziato dallo studio, la prescrizione complessiva di oppioidi è diminuita durante il periodo 2009-2017: in quel periodo, il tasso complessivo di decessi totali per suicidio è aumentato da 13,80 a 16,36 per 100.000 persone. Analizzando i dati regionali, però, i ricercatori hanno stimato che se la prescrizione di oppioidi fosse rimasta costante anziché diminuita, il tasso nazionale di suicidi sarebbe aumentato maggiormente. “La relazione tra prescrizione di oppioidi e rischio di suicidio è complessa. Questo è particolarmente vero quando le persone hanno una riduzione graduale degli oppioidi“, hanno spiegato Mark Olfson, MD, MPH, professore di epidemiologia presso la Columbia School of Public Health ed Elizabeth K. Dollard, Professore di psichiatria, medicina e diritto presso la Columbia University Irving Medical Center.

Oppioidi aumentano il ricorso ai suicidi

I professori autori dello studio pubblicato sull’American Journal of Psychiatry, hanno spiegato ancora: “Le persone possono diventare disperate se il loro dolore non è ben controllato. Tuttavia, gli oppioidi comportano anche un rischio di overdose maggiore rispetto a qualsiasi altra classe di farmaci e circa il 40% dei suicidi per overdose negli Stati Uniti coinvolge gli oppioidi. A livello di popolazione, il declino nazionale della prescrizione di oppioidi negli ultimi anni sembra aver ridotto il numero di persone morte per suicidio”.

Lo studio si è basato sui dati del database di prescrizioni longitudinali IQVIA nazionale statunitense 2009-2017 e sui dati di mortalità del National Center for Health Statistics. Sono state prese in considerazione le prescrizione di oppioidi ad alte dosi (>120 mg/die di morfina equivalenti) e a lungo termine (> 60 giorni consecutivi) e con prescrizioni da tre o più prescrittori.
I pazienti sono stati divisi per quattro gruppi di età: 10-24, 2544, 45-64 e 65 anni o più. Il legame con il cambiamento dei decessi per suicidio è più forte in Occidente che in Oriente o nel Midwest. “Se la prescrizione di oppioidi pro capite fosse rimasta costante dal 2009 al 2017, nel 2017 ci sarebbero stati circa il 10,5% in più di decessi per suicidio che coinvolgevano gli oppioidi”, ha sottolineato Olfson.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Scienze

Ultime notizie