PAGAMENTO PENSIONI SETTEMBRE 2019/ Oggi in Poste e banche dopo un piccolo ritardo

- Silvana Palazzo

Oggi il pagamento delle pensioni per settembre 2019: accredito assegno con ritardo di un giorno. I consigli per riscuoterlo in posta e banca

pagamento_pensioni_poste_bancomat_soldi_denaro_monete_lapresse_2018
Lapresse

Dopo un giorno di attesa, oggi il pagamento delle pensioni di settembre. Sulla base delle disposizioni di legge legate alla semplificazione dei pagamenti per le prestazioni previdenziali, a settembre gli assegni sono stati versati durante il secondo giorno del mese. Questo perché in questa data prende luogo il primo giorno bancabile utile per effettuare il pagamento. Oggi è tra l’altro giornata di pagamento sia per chi ha deciso di accreditare il proprio assegno previdenziale presso un istituto bancario, sia per chi ha optato per l’accredito presso un conto corrente postale. Ma in alcuni mesi dell’anno la scadenza può risultare differente perché le poste risultano operative anche di sabato, giorno invece di chiusura per le banche. In questa fase della giornata tra l’altro l’afflusso presso gli sportelli postali dovrebbe essere diminuito. (agg. di Silvana Palazzo)

PAGAMENTO PENSIONI SETTEMBRE 2019, CONSIGLI PER IL RITIRO

Oggi 2 settembre è ufficialmente il giorno destinato al pagamento delle pensioni, seppur con un piccolo ritardo già ampiamente previsto. Nessun errore all’orizzonte, dunque, ma solo lo slittamento al primo giorno lavorativo disponibile. Esattamente come accaduto nel corso del passato anno, infatti, anche in questo 2019 le pensioni sono state programmate per accreditare il pagamento a partire dal primo giorno utile del mese. Potrebbe tuttavia tornare utile, in questa giornata, qualche consiglio su come eseguire con minori disagi il ritiro del proprio assegno. Onde evitare tempi lunghi e stressanti, infatti, è opportuno recarsi presso gli uffici postali o gli istituti di credito di riferimento nella tarda mattinata o direttamente durante l’orario pomeridiano, quando i flussi di clientela saranno inferiori. Ricordiamo infine che il cedolino della pensione sarà consultabile in formato pdf anche online, sul portale dell’Inps, accedendo all’area riservata. Qui sarà possibile consultare non solo quella relativa al mese in corso ma anche le varie rate disponibili riferibili al passato. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

LE PROSSIME DATE

Il pagamento delle pensioni di settembre 2019 sarà caratterizzato da un piccolo ritardo in quanto solo oggi, secondo giorno del nuovo mese, è previsto l’accredito per chi ritira l’assegno alle Poste o in banca. Non si tratta nulla di clamoroso, chiaramente, poichè in linea con quanto indicato dall’Inps nella sua circolare (la 122/2018) che prevede lo slittamento del pagamento nel primo giorno bancabile del mese che sta per iniziare, essendo stata ieri una giornata festiva. Per tutti i pensionati che riscuoteranno oggi 2 settembre il rateo, Poste Italiane consiglia di recarsi presso gli uffici postali nella tarda mattinata oppure nella fascia pomeridiana nel caso in cui l’ufficio di riferimento resti aperto anche nel doppio turno. In riferimento invece alle prossime date di pagamento, il calendario non prevede alcun ritardo per il mese di ottobre, il cui pagamento sia in posta e che in banca sarà eseguito il primo giorno del mese, mentre a novembre avverrà sabato 2 (considerato il primo giorno bancabile per Poste Italiane) e lunedì 4 per gli istituti di credito. Infine l’anno si concluderà con l’accredito il 2 dicembre, ovvero lunedì, primo giorno bancabile sia per Poste che banche. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

OGGI ACCREDITO

Pagamento pensioni oggi: a settembre c’è stata più attesa rispetto al solito. L’accredito dell’assegno è slittato di un giorno per motivi di calendario. Quando l’Inps ha diffuso la circolare numero 122 del 2018, rendendo note tutte le date di pagamento delle pensioni per l’anno in corso, ha indicato il 2 per il mese di settembre. In linea con quanto accaduto l’anno scorso, le pensioni vengono pagate il primo giorno bancabile del mese. Ma questo piccolo ritardo è dovuto al fatto che l’1 settembre è caduto di domenica, quindi il primo giorno bancabile del mese è quello di oggi. E questo vale sia per chi riceve il pagamento delle pensioni agli uffici postali, sia per chi si avvale invece degli istituti di credito, cioè le banche. Poste Italiane hanno informato comunque coloro che hanno un conto Bancoposta o un libretto di risparmio, e quindi sono in possesso della carta Postamat o carta Libretto, che potevano prelevare anche ieri, domenica 1° settembre, usando uno degli sportelli Postamat disponibili in Italia.

PAGAMENTO PENSIONI SETTEMBRE 2019, I CONSIGLI DI POSTE ITALIANE

Poste Italiane consiglia a tutti i pensionati che riscuotono il rateo del 2 settembre di recarsi presso gli uffici postali in tarda mattinata o nella fascia oraria pomeridiana, se gli uffici sono aperti con doppio turno. Da alcune rilevazioni effettuati è emerso, infatti, che i flussi di clientela, e quindi i tempi di attesa, sono generalmente più bassi nel corso della giornata rispetto alla fascia oraria che è compresa tra l’apertura degli sportelli postali e la prima metà della mattinata. Questo perché si pensa di far prima presentandosi all’apertura, ma così invece si rischia di dover fare una lunga fila. È bene ricordare anche che è possibile visualizzare il cedolino della pensione in pdf sulla propria area riservata nel portale Inps. Per consultarlo bisogna accedere nella sezione Fascicolo Previdenziale del Cittadino, e quindi selezionare le voci Prestazioni e Pagamenti e poi Pensioni. Qui si possono consultare le varie rate disponibili, compresa quella di riferimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA