Palermo, incendio in un palazzo/ Morta una donna, ferita in maniera grave la figlia

- Davide Giancristofaro Alberti

Palermo, grave incendio avvenuto nelle scorse ore in un palazzo: una donna anziana è morta, mentre la figlia è rimasta gravemente ferita

incendio tribunale milano
Vigili del fuoco (LaPresse)

Gravissimo incendio avvenuto nelle scorse ore a Palermo: una donna è morta e dieci persone sono invece rimaste ferite. Come riferisce l’edizione online di Repubblica, la vittima è una signora anziana di 79 anni, tale Francesca Maria Canfora, che è deceduta nella notte passata, quella fra sabato 13 e domenica 14 giugno, a seguito di un incendio divampato in un appartamento al nono piano di un palazzo di via Pacinotti 19, una zona residenziale del capoluogo siciliano. Ustionata in maniera grave la figlia della vittima, successivamente trasportata presso l’ospedale civido. Nove invece gli agenti di polizia che sono rimasti intossicati durante le operazioni di recupero, e trasportati in codice giallo presso il Policlinico. L’allarme è scattato di preciso alle ore 5:00 di questa mattina, quando alcuni vicini di casa sono stati svegliati dal fumo che aveva invaso le scale e che proveniva appunto dall’abitazione dove vivevano le due donne.

PALERMO, INCENDIO IN UN PALAZZO: SI INDAGA SULLE CAUSE

Sul posto si sono quindi recate ben dieci squadre dei vigili del fuoco, che hanno domato le fiamme e recuperato le persone all’interno dell’appartamento. Nel frattempo tutti i condomini sono stati sgomberati, e l’edificio è stato messo in sicurezza: i residenti non potranno rientrare nelle loro case fino a che non verrà attestata l’agibilità del palazzo. Ancora incerte le cause dell’incendio ma stando ad una prima indiscrezione circolante sembra che l’impianto elettrico possa aver subito un corto circuito, anche se non è da escludere che a provocare le fiamme sia stata semplicemente una sigaretta lasciata accesa mentre le due dormivano. L’anziana è stata trovata priva di vita nel suo appartamento, morta molto probabilmente a causa dei fumi respirati dopo le fiamme; la figlia, invece, è riuscita a mettersi in salvo anche grazie all’aiuto della polizia, riportando comunque ustioni di secondo grado.



© RIPRODUZIONE RISERVATA