Paul King “Forse sono stato rapito in Italia o venduto”/ A Chi l’ha visto “Aiutatemi”

- Silvana Palazzo

Paul King, lo strano appello a Chi l’ha visto: “Forse sono stato rapito in Italia o venduto. Aiutatemi a trovare la mia vera famiglia”. La stessa Federica Sciarelli è stupita…

paul king chi lha visto 640x300
Paul King, il suo caso a Chi l'ha visto?

Una richiesta davvero strana”, così l’ha definita Federica Sciarelli, presentando il caso di Paul King a Chi l’ha visto. L’uomo è convinto di essere italiano e di essere stato rapito, forse venduto. Pura fantasia o c’è qualcosa di vero? “Sto registrando questo video nella speranza che mi aiutate a cercare la mia famiglia, che sono convinto sia italiana. Sono stato rapito da piccolo, credo nel 1988. Mi trovavo con mio nonno. Sui miei documenti c’è scritto che ho 35 anni”.

Questo l’appello che ha inviato qualche anno fa e che il programma ha mandato in onda nella puntata di ieri. Figlio di immigrati russi, si è laureato all’Università di Pittsburgh e ha fondato un’azienda di elettronica e nuove tecnologie, poi si è imposto sul mercato Usa con un’azienda di coltivazione della cannabis a scopo terapeutico. La fortuna gli ha poi girato le spalle: ha dovuto ingaggiare una battaglia legale con i dipendenti, che lo accusavano di aver sottratto fondi dall’azienda. Poi si è aggiunto il conflitto con la famiglia. Questo lo ha spinto ad avere dubbi sulla sua identità.

PAUL KING “MI ASPETTO DI TUTTO…”

Quando le ho raccontato la mia storia, mi ha detto di farmi aiutare da Chi l’ha visto”, ha detto Paul King rivelando di aver contattato il programma grazie ad un’amica. “Penso che la mia famiglia sia italiana e sono convinto di essere stato rapito in Italia. Mi aspetto di tutto, potrei anche essere stato venduto”. I suoi genitori non hanno mai ammesso che sia stato adottato: “Mi dicevano delle cose sulle mie ciglia e sui miei capelli. La mia data di nascita dovrebbe essere 26.05.1984, dicono che sono nato in Russia, a Mosca”.

Quindi, ha spiegato che i genitori gli hanno raccontato di essere stati per qualche mese in Italia: “Ho chiesto dove, ma sono sempre stati evasivi nelle risposte”. Dopo aver passato in esame il rapporto con la sua famiglia, Paul King si è reso conto che la sua famiglia non è quella dove è cresciuto. Ma se sia stato rapito, deve essere stato nei primi mesi di vita, perché ha foto con la famiglia che non ritiene ‘vera’ quando ha circa nove mesi. In ogni caso, ha voluto lanciare un appello a tutti gli italiani nella speranza di trovare risposta alla domanda che si porta dentro da anni.





© RIPRODUZIONE RISERVATA