Pietrangelo Buttafuoco/ “Sinistra non ha leadership, Fedez Papa straniero”

- Carmine Massimo Balsamo

Pietrangelo Buttafuoco a Stasera Italia: “E’ incredibile come si parli di Fedez e non dello scandalo della magistratura di cui nessuno parla”

pietrangelo buttafuoco
(Stasera Italia)

Prosegue il dibattito sul caso Fedez, Pietrangelo Buttafuoco ha le idee ben chiare. Intervenuto ai microfoni di Stasera Italia, il giornalista ha rimarcato: «E’ inspiegabile che si parli oggi della questione Fedez in un doppio nodo mai irrisolto di ipocrisia pelosa e di spacciata malafede. C’è un problema della Sinistra che non riesce a darsi una leadership e ha necessità di un Papa straniero, questa volta è il turno di Fedez».

Pietrangelo Buttafuoco ha poi proseguito il suo ragionamento: «La questione politica è un’altra: è incredibile come si parli di Fedez e non invece dello scandalo politico più inaudito e assurdo che colpisce l’esistenza di altre persone ed è lo scandalo della magistratura di cui nessuno parla. Oggi si dovrebbe parlare di questo e non della polemica di Fedez, oltretutto pelosa ed ipocrita: quando andiamo a sentire le parole di Letta e Conte, tutti e due vanno a difendere Fedez sulla censura. E’ un capolavoro di ipocrisia pelosa e malafede, sapendo che tutto il cortocircuito che c’è tra Fedez e Rai 3 è cosa tutta loro. E’ un’arma di distrazione di massa».

PIETRANGELO BUTTAFUOCO: “DEVASTAZIONE MENTALE PIU’ FORTE DI QUELLA VIRALE”

Passando ai dossier più delicati del governo, Pietrangelo Buttafuoco si è soffermato sul caos coprifuoco: «E’ questione di buon senso, non è questione di coprifuoco: nella giornata tipo del povero disgraziato che prende un mezzo pubblico, si trova in una situazione uguale a quella di prima, io lo posso testimoniare e me ne accorgo sulla mia pelle, strapieni e super in ritardo. L’elemento vero è che è tutta una questione mentale: è un problema di salute. C’è uno scavo mentale che ci ha massacrati tutti: chissà quante ansie e paure abbiamo maturato, la devastazione mentale diventerà molto più forte di quanto possa essere quella virale». «Non faccio una questione di coprifuoco, è vita e la vita non la puoi regimentare», ha aggiunto lo scrittore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA