Pink e figlio guariti da coronavirus “Malattia reale”/ Donato un milione di dollari

- Davide Giancristofaro Alberti

Pink e il figlio di 3 anni sono risultati essere positivi al coronavirus, per poi guarire. “I tamponi devono essere più accessibili”

pink 2020 ig
Pink insieme al figlio (Instagram)
Pubblicità

Fra le celebrità risultate essere positive al coronavirus, c’è anche la cantante americana Pink. A comunicare l’infezione, con guarigione al seguito, è stata la stessa artista 40enne attraverso un lungo post pubblicato sulla propria pagina Instagram, in cui la cantante famosa in tutto il mondo ha reso pubblica anche l’infezione del figlio di appena tre anni: “Due settimane fa, io e mio figlio di tre anni, Jameson – il post di Pink – abbiamo mostrato i sintomi di Covid-19. Fortunatamente, il nostro medico di base ha avuto accesso ai test e io sono risultata positiva. Con la mia famiglia eravamo già in quarantena a casa e abbiamo continuato a restarci per altre due settimane seguendo le istruzioni del nostro medico. Pochi giorni fa ho rifatto il tampone e sono risultata negativa”. Pink punta quindi il dito nei confronti del governo americano, ritenuto dalla stessa “incapace di rendere i test accessibili” al maggior numero di persone.

Pubblicità

CORONAVIRUS, ANCHE PINK E FIGLIO L’HANNO PRESO “MALATTIA CHE COLPISCE TUTTI”

La 40enne artista ha messo poi in guardia i suoi follower dal sottovalutare il covid-19: “Questa malattia è grave e reale – scrive – le persone devono sapere che la malattia colpisce giovani e anziani, ricchi e poveri e dobbiamo rendere i test gratuiti e più ampiamente accessibili per proteggere i nostri bambini, le nostre famiglie, i nostri amici e le nostre comunità”. Pink ha deciso di scendere in campo in prima linea contro l’emergenza, annunciando una doppia donazione da 500mila dollari: “Nel tentativo di supportare gli operatori sanitari che ogni giorno combattono in prima linea, sto donando 500.000 dollari al Fondo di emergenza dell’ospedale della Temple University a Filadelfia in onore di mia madre, Judy Moore, che ha lavorato lì per 18 anni. Inoltre, sto donando 500.000 dollari al fondo di crisi Covid-19 del sindaco della città di Los Angeles”. La cantante ha concluso il lungo post con un ringraziamento speciale “a tutti i nostri professionisti sanitari e a tutti nel mondo che stanno lavorando così duramente per proteggere i nostri cari. Siete i nostri eroi!”, prima dell’appello finale: “Le prossime due settimane sono cruciali: per favore, restate a casa”. Oltre oceano il coronavirus ha già infettato 270mila persone.

Visualizza questo post su Instagram

Pubblicità

Two weeks ago my three-year old son, Jameson, and I are were showing symptoms of COVID-19. Fortunately, our primary care physician had access to tests and I tested positive. My family was already sheltering at home and we continued to do so for the last two weeks following the instruction of our doctor. Just a few days ago we were re-tested and are now thankfully negative. It is an absolute travesty and failure of our government to not make testing more widely accessible. This illness is serious and real. People need to know that the illness affects the young and old, healthy and unhealthy, rich and poor, and we must make testing free and more widely accessible to protect our children, our families, our friends and our communities. In an effort to support the healthcare professionals who are battling on the frontlines every day, I am donating $500,000 to the Temple University Hospital Emergency Fund in Philadelphia in honor of my mother, Judy Moore, who worked there for 18 years in the Cardiomyopathy and Heart Transplant Center. Additionally, I am donating $500,000 to the City of Los Angeles Mayor’s Emergency COVID-19 Crisis Fund. THANK YOU to all of our healthcare professionals and everyone in the world who are working so hard to protect our loved ones. You are our heroes! These next two weeks are crucial: please stay home. Please. Stay. Home.❤️

Un post condiviso da P!NK (@pink) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità