PRIMO GIORNO DI SCUOLA 2019/ Studenti nel panico, colpa dei genitori? (11 settembre)

- Davide Giancristofaro Alberti

Primo giorno di scuola, per molti studenti torna l’ansia dei compiti e delle lezioni. Ma come devono comportarsi i genitori? I consigli dell’esperto

scuola esame maturita 5 lapresse1280
LaPresse

Per molti studenti italiani oggi sono ufficialmente terminate le vacanze estive in vista del fatidico primo giorno di scuola. Molti istituti, infatti, da oggi hanno riattivato la campanella e riaperto le porte mentre in tante altre regioni ci sarà ancora qualche giorno di vacanza in più. Tuttavia, come già visto, è l’ansia a prevalere su gran parte degli studenti che secondo un sondaggio di Skuola.net, nel 35% dei casi hanno ammesso che pubblicheranno sui social qualcosa inerente proprio al fatidico ritorno in classe. Instagram, dunque, continuerà ad essere il vero protagonista della giornata e proprio su questo social, scelto dal 91% dei ragazzi, in tanti giovanissimi hanno trovato ispirazione per l’outfit perfetto per il primo giorno di scuola. In occasione del ritorno tra i banchi di scuola però, l’attenzione è rivolta anche ai genitori degli studenti, spesso creatori di maggiore ansia, ed in merito ad intervenire è stato Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell’età evolutiva che, come riferisce Oggi Scuola, ha dato dei consigli utili alle famiglie. Da abolire alcune frasi come “Adesso sei grande, andrai a scuola e devi essere bravo”. “Forse pensano di spronarli facendo leva sulle loro prestazioni, o si augurano che trasformando la scuola in un luogo normativo li spingeranno a rispettare quelle regole che a casa proprio non ascoltano. In entrambi i casi si tratta di strategie sbagliate che accrescono le paure dei più piccoli e dipingono come un luogo ‘difficile’. Così quella che potrebbe essere una grande avventura da vivere con gioia, si trasforma in fobia”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

LEZIONI SCOLASTICHE AL VIA

Scatterà domani per milioni di studenti italiani, il primo giorno di scuola. Per giovedì 12 settembre è infatti previsto l’inizio delle lezioni in gran parte delle regioni italiane, dopo ben tre mesi di vacanze. Skuola.net ha cercato di tastare l’umore degli studenti in vista di questo nuovo inizio, e su 2.500 studenti delle scuole medie e superiori ne è emerso che il 56% degli stessi vive questo momento con ansia, anche perché il 51% non ha ancora completato i compiti delle vacanze. C’è poi un 6%, che in barba agli insegnanti, ha deciso di non aprire per nemmeno un giorno i libri. Tornano quindi a “lavorare” i nostri ragazzi, che da domani fino al prossimo giugno 2020, dovranno passare numerosi pomeriggi a studiare in vista delle interrogazioni, fra le più odiate dagli alunni. Ma primo giorno di scuola significa anche addio alle grandi dormite, visto che saranno moltissimi coloro che dovranno svegliarsi molto presto per prendere i mezzi pubblici e raggiungere il proprio istituto scolastico.

PRIMO GIORNO DI SCUOLA: STUDENTI IN ANSIA

Non è comunque tutto da buttare via, visto che gli studenti ritroveranno i propri compagni, e per il 55% degli intervistati da Skuola.net rappresenta forse l’unica vera gioia legata alla scuola. Il 35% degli stessi alunni ha avuto modo di frequentare i compagni di classe durante le vacanze estive, mentre il 40% si è tenuto in contatto solo tramite i social, in particolare Instagram e Whatsapp. E sarà proprio il web a farla da padrona nelle prossime ore, visto che la maggior parte degli studenti pubblicherà qualcosa inerente al primo giorno di scuola, che sia una foto, un post, un video o una stories, rigorosamente su Instagram che è il social per eccellenza dei giovani, scelto dal 91% dei ragazzi. E queste ultime ore di “libertà” come le passeranno i ragazzi? Alcuni di loro, soprattutto il sesso debole, rovisterà nell’armadio per cercare l’outfit giusto per iniziare al meglio il nuovo anno scolastico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA