Prof col covid, preside chiama i genitori/ Appello a Bogliasco: “Cercasi supplenti”

- Davide Giancristofaro Alberti

L’appello di una preside di Bogliasco che ha chiesto aiuto ai genitori visto che i prof della scuola erano quasi tutti in quarantena

scuola quarantena classi
(LaPresse)

Alquanto curioso quanto accaduto in quel di Bogliasco, comune in provincia di Genova, dove, per via delle numerose assenze dei professori a causa del covid e di quarantene varie, si è deciso di chiamare i genitori degli alunni ad insegnare. Come riferisce il Corriere della Sera, protagonista di questa “chiamata” è stata Enrica Montobbio, preside dell’Istituto di Bogliasco, Pieve Ligure e Sori, per un totale di circa una quarantina di classi fra infanzia, elementari e medie. L’appello urgente è stato pubblicato sul registra di classe elettronico, e rivolgendosi ai genitori dei ragazzi ha spiegato loro che le graduatorie dei supplenti sono vuote, le mad (messe a disposizione) sono esaurite, e di conseguenza ha chiesto aiuto ai padri e le madri che avessero i requisiti per poter insegnare.

Secondo quanto riferito da IlSecoloXIX, sarebbero state numerose le risposte, e la signora Enrica Montobbio sta valutando i vari curriculum per poi tirare le somme. In base a quanto emerso, i genitori potranno stare in cattedra un solo giorno o anche di più, e verranno inoltre regolarmente assunti come supplenti, quindi con regolare stipendio, fino a che gli insegnanti che si sono ammalati di covid o quelli che si trovano al momento in quarantena, possano tornare ad insegnare.

A BOGLIASCO TROPPI PROF IN QUARANTENA: PRESIDE CHIAMA I GENITORI AD INSEGNARE

L’iniziativa di Bogliasco è stata accolta in maniera così positiva al punto che anche altri sindaci della zona e della provincia, in difficoltà per via dello stesso problema (tanti prof assenze per covid e isolamenti vari), hanno deciso di imitarla. Ma quali sono i requisiti per poter divenire “insegnante per un giorno”?

Basta avere la laurea nella materia scelta, quindi ad esempio essere laureato in storia per insegnare appunto storia, o essere laureati in matematica per insegnare agli alunni a fare i calcoli, per quanto riguarda la scuola media. Per le elementari e la materna, invece, serve la laurea in scienze della formazione o eventualmente il diploma di scuole magistrali ma se conseguito prima del 2003.







© RIPRODUZIONE RISERVATA