Renata Erika, ex compagna di Marcell Jacobs/ “Ignora suo figlio” lo sfogo nel 2016

- Elisa Porcelluzzi

Renata Erika è l’ex compagna di Marcell Jacobs, con cui ha avuto un figlio, Jeremy: “Qui qualcuno non vede l’ora di riabbracciarti, spero che un giorno lo capirai!”.

Oro Jacobs
Marcell Jacobs, oro 100 metri Olimpiadi Tokyo 2020 (LaPresse, 2021)

Marcell Jacobs è legato dal 2018 a Nicole Daza, con cui ha avuto due figli Anthony e Meghan, nati rispettivamente nel 2019 e nel 2020. Il campione italiano Jacobs ha anche un altro figlio, Jeremy, nato da una relazione precedente. La madre del primo figlio di Jacobs è Renata Erika (così si chiama o si fa chiamare su Facebook), che ha gioito per la vittoria dell’ex compagno all’Olimpiadi di Tokyo 2020: “Siamo fieri de tuo risultato CAMPIONE DEL MONDO! Qui qualcuno non vede l’ora di riabbracciarti, spero che un giorno lo capirai!”, ha scritto su Facebook domenica 1 agosto. Poi ha pubblicato una serie di foto del figlio Jeremy con la bandiera dell’Italia al campo Tre Stelle di Desenzano del Garda, il primo in cui Marcell Jacobs si è allenato. Il piccolo Jeremy frequenta il centro estivo, a due passi dal campo, gestito da Adriano Bertazzi, il primo coach di Marcell.

Renata Erika, ex compagna di Marcell Jacobs: le accuse su Facebook

Nel post con cui Renata Erika ha festeggiato la vittoria dell’ex compagno, emerge qualche vecchia ruggine: “Qui qualcuno non vede l’ora di riabbracciarti, spero che un giorno lo capirai”, ha scritto facendo evidentemente riferimento al figlio Jeremy. Nel 2016 l’ex compagna di Marcell Jacobs aveva scritto su Facebook un lungo sfogo per l’assenza dell’atleta nella vita del figlio: “Vedendo tanti post dove parlano di coppie che hanno un figlio e si lasciano lo fanno sembrare una tragedia…”. E aveva aggiunto: “La tragedia, il sentimento più brutto che una donna /madre può sentire è quello quando l’uomo con il quale ha fatto un figlio, con il quale ha pensato di passare il resto della sua vita ignora suo figlio, no cercandolo per settimane, senza un messaggio o una chiamata per chiedere come stai. Pur sapendo che il piccolo lo cerca, lo nomina e sente la sua mancanza… Boh spiegatemi voi che ca*o di “uomo” è questo?”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA