Renato Tortarolo demolisce i finalisti di Amici 19/ “Non premierei proprio nessuno!”

- Anna Montesano

Il giornalista Renato Tortarolo demolisce i finalisti di Amici 2020. Dure critiche in diretta: “Non premierei proprio nessuno di loro!”

renato tortarolo amici 2020
Renato Tortarolo ad Amici 2020
Pubblicità

Tra gli esponenti della stampa invitati da Maria De Filippi alla finale di Amici 2020, Renato Tortarolo, per il Secolo XIX, è sicuramente il più critico. Il commento nei confronti dei finalisti di questa edizione arriva dopo una comparata tra Gaia Gozzi e Giulia Molino su un medley di Aretha Franklin voluto da Stash. E se quest’ultimo si dice entusiasta dal risultato portato dalle due cantanti, è di ben altra opinione Totarolo. Maria De Filippi lo intuisce e gli lascia parola: “Io praticamente non sono d’accordo con nulla di quanto detto fino ad ora.” esordisce il giornalista. Poi motiva: “Non sono d’accordo con l’ottimo Stash perché le esecuzioni della povera Aretha Franklin che fortunatamente per lei era una iena e una vera egoista non sono state all’altezza.”

Pubblicità

Renato Tortarolo critica duramente i finalisti di Amici 2020: “Buonismo inutile nei loro confronti”

È solo l’inizio di una dura critica che coinvolge tutti e 4 i finalisti di Amici 2020. Renato Tortarolo infatti prosegue: “Ma quello che mi sorprende, ma non per il tuo programma e per questo momento che viviamo, ma per questa cosa dell’egoismo. Con il dolore, anche quello degli altri, non si compra nulla. Il dolore non è un valore, la paura non è un valore.” E continua: “Bisogna essere più cattivi e per quanto Gaia sia un pochino più brava di Giulia e Javier un pochino più bravo di Nicolai, non vedo questa cattiveria. Se io dovessi chiuderla qua non premierei proprio nessuno!” Tortarolo arriva a criticare anche il look di Gaia, definendolo “Indecifrabile”. I professori e la giuria polemizzano per queste parole contro le allieve, lui allora chiude: “Ne parliamo quando tutto questo, fortunatamente, sarà finito e vedremo se essere così buoni con gli artisti sarà servito a qualcosa. Al momento non è servito a niente!”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità