Rita De Crescenzo/ Dall’arresto all’apertura di un negozio: “Ecco cosa venderò…”

- Alessandro Nidi

Rita De Crescenzo sta per aprire un negozio. La storia della tiktoker arrestata per spaccio: “Non mi sono saputa esprimere bene. La gente del mio quartiere lo sa, ma nessuno mi ha difeso”

rita de crescenzo instagram 640x300
Rita De Crescenzo, foto Instagram

La storia di Rita De Crescenzo, tiktoker napoletana da 848mila follower e 127mila seguaci su Instagram, insegna come si possa sempre ripartire. Infatti, come lei stessa ha comunicato sui social il 13 maggio, sta per aprire il suo primo negozio: “Stiamo cominciando ad allestire. Tra poco ci sarà una grande sorpresa. Mi sono comprata il marchio, ho fatto tutto con il commercialista. Anzi, come vi ho già detto: mi servirebbe una ragazza. Se qualcuno vuole venire a lavorare con me, la metterò a posto. Non terrò nessuno in nero. Cosa venderemo? Borse, asciugamani, teli, magliette, ci saranno le cose per la scuola, per il Natale. Sarà tutto ‘svergognat'”.

La testata “Il Fatto Quotidiano” rammenta che per Rita De Crescenzo i guai, seri, risalgono al 2017, anno in cui la donna era stata arrestata con l’accusa di spaccio di droga. “Ne sono uscita assolta – ha detto lei in un video su TikTok –. Sono stata arrestata per aver parlato al telefono con le mie amiche, che ora si trovano in carcere. Io le chiamavo e chiedevo loro di restituirmi i panni. Non posso fare nomi. Sono state arrestate 60 persone, ma quelle realmente colpevoli sono ancora in carcere”.

RITA DE CRESCENZO E IL BALLO DAVANTI AI VIGILI

E, ancora: “Sono stata arrestata solo per intercettazione telefonica. In più, ai veri colpevoli sono stati portati via i figli, invece mio figlio è a casa con me. Non mi sono saputa esprimere bene. La gente del mio quartiere lo sa, ma nessuno mi ha difeso. Nessuno ha detto che io non ho mai spacciato, che in quella situazione non c’entravo”.

Soltanto un anno fa, inoltre, Rita De Crescenzo aveva fatto parlare di sé in due circostanze: in primis, quando aveva provato a emulare la lingua araba in maniera giudicata da molti utenti social irrispettosa. Poi, in seconda battuta, era stata fermata dalla polizia municipale, in quanto sorpresa al volante senza patente e sprovvista di mascherina, all’epoca obbligatoria. Non contenta delle infrazioni commesse, De Crescenzo pubblicò un filmato nel quale ballava davanti agli agenti della polizia locale e chiedeva loro di mandare un saluto alla telecamera, salvo poi rimuoverlo dopo la pioggia di critiche che la travolse.







© RIPRODUZIONE RISERVATA