Dire stop all’alcol/ Gennaio è il mese migliore per smettere, ecco perché

Dire stop all’alcol nel mese di gennaio sarebbe più facile, questo viene indicato come il periodo migliore per smettere di bere

02.01.2019 - Matteo Fantozzi
Immagini di repertorio da Pixabay

Dire stop all‘alcol nel mese di gennaio sarebbe più facile, questo viene indicato come il periodo migliore per smettere di bere. Secondo uno studio che arriva dall’Università del Sussex pare che rinunciare all’alcol per tutto il mese di gennaio aiuti a farlo poi con più moderazione per il resto dell’anno, migliorando la qualità del sonno e donando maggiore energia. La ricerca della famosa università è stata pubblicata sulla rivista specialistica Health Psychology e ripresa anche dall’Ong inglese Alcohol Change che dal 2013 promuove il Dry January anche noto come Gennaio all’asciutto. Si riscontano degli effetti positivi che possono essere importanti anche per il resto dell’anno. Sono almeno un centinaio le persone che hanno partecipato a questa iniziativa, raccontando poi i loro risultati raggiunti con grande orgoglio. Un’iniziativa che andrebbe estesa anche all’Italia per rendere la lotta all’alcolismo efficace.

Dire stop all’alcol: tutti i benefici

Sono diversi i benefici del dire stop all’alcol a gennaio con l’idea di avere delle risposte importanti se si inizia l’anno con un mese senza consumarlo. I dati della ricerca che arriva dall’Università del Sussex ci dice che le persone sono passate da 4.3 giorni di consumo d’alcol a settimana a 3.3 dopo il mese di astinenza. Le unità di alcol assunte poi si riducevano da 8.6 a 7.1, con i giorni di eccessivo consumo che scendevano da 3.4 al mese a 2.1. Sono importanti però anche gli effetti immediati dato che 9 persone su 10 avevano risparmiato soldi, 7 su 10 dormivano meglio, mentre 3 su 5 avevano perso peso in maniera importante. Inoltre la ricerca ha dimostrato che dei benefici li hanno avuti anche quelli che non sono riusciti a rimanere “all’asciutto” per tutto gennaio, ma che ci hanno comunque provato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA