SAMMY BASSO, QUANTI ANNI HA?/ 25 anni e malato di progeria “Sono preoccupato per…”

- Elisa Porcelluzzi

Sammy Basso, nato a Schio nel 1995, è il più longevo malato di progeria nel mondo. A 25 anni ha conseguito due lauree.

jovanotti sammy basso instagram 640x300
Jovanotti e Sammy Basso (Instagram)

Sammy Basso, ospite di Serena Bortone a Oggi è un altro giorno, parla della sua malattia, la Progeria, di vaccinazione e lockdown. “Sono preoccupato perché poche persone vanno a vaccinarsi. Credo che la mancanza più grande sia proprio quella della mancanza di dosi. – ha esordito – Il piano vaccinale, comunque, sta procedendo abbastanza bene. Di certo le persone fragili, quelle con patologie, sono quelle che hanno bisogno per prima di essere vaccinate.” Così ha raccontato come ha vissuto il periodo del lockdown: “La prima cosa che mi concederò dopo la pandemia sarà fare la festa di laurea. Bisognerà comunque sempre stare attenti. Il lockdown l’ho vissuto con la preoccupazione sicuramente, però mai con paura. A livello egoistico devo dire che l’ho passato abbastanza bene perché ho avuto il tempo di fare cose che non facevo da tanto.” (Aggiornamento di Anna Montesano)

Sammy Basso è il più longevo al mondo tra i malati di progeria

Nato a Schio il 1° dicembre 1995, per Sammy Basso la diagnosi di progeria arriva quando Sammy ha 2 anni: secondo i medici, non avrebbe potuto superare i 13 anni, invece ha quasi raddoppiato le sue aspettative di vita. Nonostante la sua malattia, ha frequentato regolarmente la scuola: dopo aver conseguito la maturità scientifica, si iscrive alla facoltà di Scienze naturali. Nel 2018 si laurea a pieni voti, con lode, con una tesi sulle terapie innovative per rallentare l’invecchiamento tipico della progeria. L’anno dopo viene sottoposto a un delicatissimo intervento alla valvola aortica. A marzo 2021 consegue la sua seconda laurea in Biologia molecolare presso l’Università di Padova. “Lo so sono diverso dai miei coetanei, ma io le diversità le incoraggio se fanno crescere, fino a quando non diventano discriminanti”, ha detto al Corriere della Sera.

Sammy Basso: due lauree e un’associazione

Dopo la maturità, Sammy Basso ha fatto un viaggio negli Stati Uniti con i suoi genitori, Laura e Amerigo, e con il suo amico Riccardo, percorrendo la Route 66 da Chicago a Los Angeles. Il viaggio è stato raccontato nel libro “Il viaggio di Sammy” e in alcuni episodi trasmessi dal canale Nat Geo People. Nel 2019 riceve le insegne del Cavalierato dell’Ordine al Merito della Repubblica dal Presidente Sergio Mattarella. Insieme ai suoi genitori ha fondato A.I.Pro.Sa.B., Associazione Italiana Progeria Sammy Basso: “La nostra associazione si concentra su due aspetti principali: il primo è la divulgazione scientifica sulla progeria; il secondo è la ricerca”, ha spiegato ad Abili a proteggere. Sammy è credente, come ha spesso raccontato nelle sue interviste: “Ho un rapporto stretto e solido con la fede. Molte cose della vita quotidiana, le cerco e le trovo proprio in lei. Mi piace distinguere la fede dalla religione, li trovo due elementi complementari”, ha detto a Olimpia in scena.



© RIPRODUZIONE RISERVATA