San Firmino, torero Rafael Rubio incornato a Pamplona/ Video choc, ferite gravissime

San Firmino, il torero Rafael Rubio è stato incornato a Pamplona durante l’ultimo giorno di esibizioni: il video

Torero (Yt)
Torero (Youtube)

Drammatica disavventura per Rafael Rubio, conosciuto anche come “Rafaelillo”: il torero è stato incornato da un toro durante il tradizionale festival estivo della corrida di San Fermin, (San Firmino), che si tiene nella città spagnola di Pamplona. Come ogni anno l’evento genera critiche velenose, ma ogni volta attira migliaia di curiosi fra le stradine della città iberica. Rafael Rubio, durante un’esibizione, è stato colpito da un toro in maniera feroce, subendo la rottura dell’emitorace sinistro e fratture multiple alle costole. Subito dopo l’accaduto, come si può notare dal video pubblicato qui sotto, sono intervenuti gli altri toreri per distrarre l’animale inferocito, e nel contempo è stato soccorso e portato fuori dalla recinzione lo stesso torero, visibilmente provato in volto per i colpi ricevuti.

SAN FIRMINO, TORERO RAFAEL RUBIO INCORNATO A PAMPLONA

A quel punto Rafaelillo ha ricevuto delle prime cure mediche presso l’infermeria d’emergenza allestita vicino alla piazza dove si tiene l’evento, per poi essere ricoverato presso l’ospedale di Navarra, dove si trova attualmente: le sue condizioni fisiche sono ritenute gravi ma il torero non sembrerebbe essere in pericolo di vita. In base a quanto riferito dal medico che ha visitato Rubio, lo stesso avrebbe subito delle gravissime lesioni alla gabbia toracica, con numerose vertebre coinvolte. Il paziente è stato sottoposto tempestivamente ad un primo intervento chirurgico, una toracotomia di emergenza, (il posizionamento di un tubo di drenaggio per aiutare il deflusso del sangue fuoriuscito dopo l’emorragia). Al momento, fanno sapere i medici, Rafaelillo è stabile ma molto dolorante, e dovrà rimanere per diversi giorni in ospedale a Navarra. Al torero aspettano giorni davvero faticosi, tenendo conto che le fratture alle vertebre sono fra le più dolorose visto che le stesse non si possono stabilizzare in maniera rigida con dei gessi, come ad esempio si può fare con un polso, un gomito o un dito. Di seguito il video di quanto accaduto

IL VIDEO DELL’INCORNATA AL TORERO



© RIPRODUZIONE RISERVATA