Sara Cunial “Legame campi elettromagnetici-pandemia”/ “Antenne 5G aumentano contagi”

- Mirko Bompiani

L’interrogazione di Sara Cunial sul presunto legame tra campi elettromagneti e infenzioni virali fa acqua da tutte le parti…

Sara Cunial
Sara Cunial

No-vax e no-mask, in piazza contro la le misure restrittive per affrontare pandemia, Sara Cunial torna a fare discutere. L’ex esponente del  Movimento 5 Stelle, oggi al gruppo Misto, ha presentato un’interrogazione ai Ministri della salute, dell’ambiente e dello sviluppo economico dedicata alle antenne 5G, in particolare alla possibile correlazione tra campo elettromagnetico (CEM) e aumento delle infezioni virali.

La tesi di Sara Cunial poggia le sue basi su un articolo pubblicato sulla rivista Scienza e Conoscenza che ipotizza un legame tra campi elettromagnetici e pandemia, anche in riferimento ad uno studio del 2017 (Medical Hypotesis, ndr) in cui si ipotizza che le esposizioni ai CEM abbiano il potenziale di limitare la risposta del nostro sistema immunitario alle infezioni virali. E dunque arriviamo al 5G…

Sara Cunial (ex M5s): “Legame tra campi elettromagnetici e pandemia”

Nell’interrogazione parlamentare (clicca qui per il testo), Sara Cunial accende i riflettori sulle frequenze della tecnologica 5G, soprattutto su quelle comprese tra 1 e 6 GHz. Secondo l’ex M5s, la distribuzione delle antenne si sovrappone a quella dei contagi da coronavirus. Il problema però è che la mappa presa ad esempio dalla parlamentare non è la mappa delle antenne installate, bensì della distribuzione delle antenne che si potrebbe avere in futuro nel caso che tutte le richieste delle compagnie telefoniche venissero accettate. Come evidenziato dai colleghi di queryonline.it, prendendo in considerazione l’immagine della reale distribuzione delle antenne 5G in Italia non risulta alcun tipo di sovrapposizione evidente con la cartina sullo sviluppo dei contagi. Insomma, l’interrogazione di Sara Cunial fa acqua da tutte le parti, anche perché c’è un altro dettaglio da non sottovalutare: il testo su cui si basa la teoria non è uno studio, ma su un articolo pubblicato su un forum in cui i ricercatori nel settore biomedico senza alcun tipo di revisioni paritarie o verifiche scientifiche. Basti pensare che in passato si negava la correlazione tra virus HIV e AIDS…



© RIPRODUZIONE RISERVATA