SCENARI/ Europa, prima vittima nella guerra dei cavi sottomarini tra Usa e Cina

- Giuseppe Gagliano

Lo scontro per la supremazia tra Cina e Usa si sposta in fondo ai mari dove passano i cavi contenenti tutti i dati. L’Europa, non essendo autonoma, è destinata alla sconfitta

comunicazione_computer_bigdata_cavi_lapresse_2016
La Presse

I fondali marini sono il nuovo spazio di guerra informativa, economica e strategica del XXI secolo, per il controllo dei cavi di comunicazione sottomarini e dell’oro nero che trasportano: i nostri dati.

170 anni separano il primo messaggio di 100 parole, inviato dalla Gran Bretagna agli Stati Uniti nel 1858 in 67 minuti tramite un cavo sottomarino, miliardi di dati scambiati in tutto il mondo in meno di sessanta millisecondi nel 2021. Le nostre attività professionali e personali e la nostra economia dipendono da questo mondo virtuale e dal suo uso ininterrotto. Questa rete globale deve essere sicura, il suo flusso controllato, i suoi dati sottoposti a backup. Per le grandi potenze statali e industriali, possedere queste arterie è una delle sfide della loro sovranità e del loro potere economico.

Gli operatori e i costruttori di cavi da soli non possono più soddisfare le crescenti esigenze di connessione di tutto il mondo. I Gafam (Google, Apple, Facebook, Amazon, Microsoft) stanno subentrando e rappresentano oltre il 50% degli investimenti nella realizzazione di nuovi cavi, alcuni dei quali totalmente loro. Con una durata di 25 anni, i futuri cavi saranno costituiti da 16 coppie di fibre, per una capacità di 12 petabit al secondo.

Due Stati dominano la cronaca, Cina e Stati Uniti, e condividono una strategia: mettere in sicurezza il proprio mercato economico interno e assicurare e accrescere il proprio potere economico internazionale.

Nel 2013, il presidente cinese Xi Jinping ha lanciato il programma Belt and Road Initiative (Bri), più comunemente noto come New Silk Roads. Descrive la strategia per raggiungere il rango di prima potenza economica e commerciale mondiale, davanti agli Stati Uniti. Al via anche il progetto Digital Silk Road (Dsr). La spina dorsale della Bri è sviluppare infrastrutture di telecomunicazioni e cavi sottomarini di qualità. Attraverso Batx, quattro società cinesi (Baidu, Alibaba, Tencent e Xiaomi), la Cina sta investendo massicciamente in tutti i campi tecnologici, in tutti i paesi indipendentemente dal livello di ricchezza. Infatti Pechino sta partecipando alla costruzione e gestione di Infrastruttura Internet sia direttamente che indirettamente, influenzando le strategie delle aziende cinesi del settore. Si impegna direttamente con gli altri governi sul tema, assicurando che lo sviluppo delle infrastrutture digitali sia incluso negli ampi protocolli economici e negli accordi che sottoscrive con loro.

Quindi, riprendendo la teoria del Soft Power, la Cina sta estendendo il suo potere padroneggiando le rotte dell’informazione.

Gli Stati Uniti devono reagire per mantenere la propria quota di mercato. Il governo degli Stati Uniti ha quindi intrapreso una guerra attraverso l’informazione, attraverso le minacce diplomatiche, supportate da un quadro legislativo che sancisce l’extraterritorialità delle sanzioni statunitensi. L’obiettivo? Proibire l’accesso al mercato americano, ma anche limitare la partecipazione degli operatori cinesi allo sviluppo dei cavi sottomarini, in nome della sicurezza nazionale.

A partire dal 2012, Huawei Technology è stata esclusa dal mercato internoBjarni Thorvardarson, allora amministratore delegato dell’operatore, afferma “che le autorità americane non hanno sollevato obiezioni fino al 2012, quando un rapporto del Congresso ha dichiarato che Huawei Technologies, e quindi la Cina, era una minaccia per la sicurezza nazionale”. Precisa che secondo lui l’obiettivo era soprattutto stabilire una preferenza nazionale, e consentire alla società americana, Gtt Communication, di riprendere i profitti di questa attività.

Questo si ripete nel 2013, nel 2015, poi nel 2020. Secondo il mondo diplomatico, Washington sta fallendo un progetto di collegamento tra Los Angeles e Hong Kong fatto con Google, Facebook e della Pacific Light Data Communication, accusando quest’ultimo di collaborare con l’intelligence cinese. Il vero obiettivo? Indebolire il centro finanziario di Hong Kong in un contesto in cui potrebbe avvicinarsi a Shanghai e soppiantare Londra

Il 29 giugno 2021, France Info (Sat, 2021) rivela che l’isola del Pacifico “Nauru ha contribuito a far fallire una gara d’appalto della Banca Mondiale, per la posa di un cavo di comunicazione sottomarino destinato a diverse isole della regione”, al fine di impedire alla società cinese di ottenere il contratto, la cui offerta costava il 20% in meno rispetto alla concorrenza. Nauru ha successivamente annunciato che era in trattative con l’Australia per l’implementazione di un cavo sottomarino che si sarebbe connesso alla rete australiana, “Coral Sea Cable”. La costruzione di questa stessa linea è stata completata nel 2019, da Vocus Group, una società australiana, per escludere un’offerta concorrente di Huawei Marine

Durante il mandato del presidente Trump, l’amministrazione statunitense ha sviluppato il programma “Clean Network” e ha affermato di voler “assicurare che gli operatori della Repubblica Popolare Cinese non siano collegati alle reti di telecomunicazioni americane. Tali società rappresentano un pericolo per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e non dovrebbero fornire servizi di telecomunicazioni internazionali da e verso gli Stati Uniti.

I Gafam, con l’aiuto e la supervisione dello Stato, stanno investendo molto per soddisfare le loro crescenti esigenze e non dipendono più dagli operatori storici.

Le politiche nazionali di Russia e Cina (legge sulla sovranità di Internet del marzo 2019 per la prima, Dsr per la seconda) mirano all’autonomia. Le conseguenze sono, ad esempio, l’obbligo di utilizzare applicazioni e data center nazionali, vedi la creazione di un Internet sovrano per la Russia con “Runet” .Pertanto, in caso di chiusura intenzionale o involontaria di Internet, gli impatti per questi Stati sarebbero quasi inesistenti. Ma la situazione è diversa per il vecchio continente.

L’80% dei flussi Internet torna negli Stati Uniti. Questo riguarda tutti i nostri usi: voce, dati, visualizzazione di video, visualizzazione di dati tramite applicazioni sviluppate da Gafam, archiviazione di dati personali o aziendali, transazioni finanziarie. L’Europa è quindi fragile ed è soggetta a tutti i rischi: rottura del cavo, unilateralità della sospensione del servizio, vedi consultazione dei nostri dati in nome della sicurezza nazionale (Spionaggio, Cloud Act). Le conseguenze di una rottura sarebbero drammatiche a livello politico, economico, sociale o militare. L’Europa non può infatti diventare il semplice utilizzatore di beni e servizi, progettati e prodotti altrove nel mondo.

Nonostante i tentativi di creare un cloud, un quadro normativo e obiettivi, la Commissione europea ha poco potere. I 27 Stati membri non fanno causa comune. L’assenza di una strategia globale, di cospicui investimenti finanziari accentua questo divario. A volte alleate, spesso concorrenti, le aziende europee non riescono a unirsi per controllare un’attività con poca o nessuna regolamentazione. In questo è difficile competere con l’influenza del Gafam che investe miliardi di dollari in ricerca, acquisto, costruzione. 

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI



© RIPRODUZIONE RISERVATA