Sestri Levante, bimba 3 anni caduta da balcone 10 metri/ Schianto su tettoia: è grave

- Niccolò Magnani

Sestri Levante, bimba di 3 anni cade dal balcone del suo appartamento: si schianta sulla tettoia, trasferita in gravi condizioni all’ospedale Gaslini di Genova

ambulanza_lapresse_2017
Ambulanza (LaPresse)

Dramma gravissimo a Sestri Levante, ad un passo da Genova, dove una bambina di 3 anni è caduta dal balcone del terzo piano di una Palazzina di Via Terzi con altezza di quasi 10 metri: l’impatto è stato fortissimo con il corpo della bimba schiantatosi sulla tettoia sottostante e finito poi nel poggiolo. È ancora viva anche se è ricoverata d’urgenza all’ospedale Gaslini di Genova in condizioni considerate gravissime dalle prime testimonianze al Secolo XIX. Al momento dell’incidente terribile, rivelano i primi dati raccolti da carabinieri, personale medico 112 e volontari, la piccola sarebbe stata in casa assieme al cugino di 14 anni che è stato poi lo stesso a lanciare l’allarme. Sono stati gli stessi pompieri a districare la bambina dalla tettoia dove era atterrata poco prima con un volo pazzesco dal balcone: solo grazie alle prime manovre dei sanitari la piccola è riuscita a tornare a respirare.

DRAMMA A SESTRI LEVANTE: BIMBA GRAVISSIMA

Il personale dell’elicottero “Drago” dei Vigili del fuoco appena ricevuto l’allarme del 112 si è diretto a Sestri Levante e ha caricato la bambina per portarla al Gaslini: al momento i carabinieri sono sul posto per provare a ricostruire la dinamica dell’incidente, tutt’altro che chiara almeno in queste prime ore dopo la tragedia. Solo l’11 agosto scorso un’altra tragedia simile, con una bimba di 2 anni a San Bortolo di Vicenza caduta anche lei dal terzo piano di una palazzina: in quel caso però la caduta venne attentai dall’erba anche se restano gravi le condizioni. In quello stesso giorno, un bimbo di 4 anni è caduto anch’egli dal balcone del suo appartamento a Pordenone. Ricoverato all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine, si trova in prognosi riservata in condizioni considerate gravi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA