SPY LOBBY MILITARI USA/ Il Pentagono e quella caccia ipersonica a soldi e potere

- Giuseppe Gagliano

Il Pentagono e le lobby militari non sono interessati a vincere le guerre, ma a far crescere il loro budget e il loro potere all’interno delle amministrazioni

soldati Usa 640x300
Soldati americani

Nel recentissimo saggio intitolato The Spoils of War, Andrew Cockburn muove un atto d’accusa durissimo nei confronti delle lobby militari americane, sottolineando come la casta militare, la burocrazia militare non siano interessate alla guerra, ma a far crescere il loro budget e quindi il loro potere all’interno delle amministrazioni .

Secondo Cockburn, il Pentagono e le corporazioni che se ne nutrono hanno generato la burocrazia più grande e bizantina della storia umana, piena di innumerevoli feudi molto più focalizzati a sconfiggere i loro rivali interni rispetto ai nemici esterni. I generali e gli ammiragli di oggi non si impegnano in attività inutili come cercare di vincere le guerre, ma passano i loro giorni a progettate come entrare a far parte del consiglio di amministrazione di General Dynamics una volta giunti alla pensione.

Ma il saggio dell’autore mette in evidenza anche le numerose deficienze del Pentagono durante i conflitti del passato e del presente.

Durante il primo inverno della guerra di Corea nel 1950-51, metà delle vittime americane furono causate dal congelamento. Incredibilmente, i soldati statunitensi non erano stati dotati di stivali caldi e furono costretti a fare irruzione nelle postazioni nordcoreane per rubare le loro calzature funzionali. Le spese militari statunitensi erano aumentate dopo l’inizio delle ostilità, ma gran parte dell’aumento è andato a cose che non avevano nulla a che fare con la guerra, come i bombardieri nucleari strategici B-47, un prodotto Boeing molto più redditizio dei vecchi e noiosi stivali.

Più di recente, nel 2014, un bombardiere B-1 da 300 milioni di dollari ha sganciato accidentalmente due bombe da 500 libbre su cinque soldati delle forze speciali in un raid notturno vicino a Kandahar in Afghanistan. In teoria, l’equipaggio del B-1 avrebbe dovuto essere in grado di dire che si trattava di truppe americane, dal momento che le forze speciali indossano fari a infrarossi visibili con gli occhiali per la visione notturna standard. In pratica, la telecamera per la visione notturna del B-1 rileva una sezione diversa dello spettro infrarosso e nessuno ne ha informato l’equipaggio.

Allora perché il B-1 è stato inviato in tali missioni in primo luogo, invece di aerei più adatti per questo? Perché l’Air Force aveva bisogno di impiegare in qualche modo i B-1, dal momento che erano molto costosi, ma si sono rivelati non adatti alla loro missione originale di lanciare armi nucleari volanti sulla Russia. Con un carico pieno di bombe, scrive Cockburn, il B-1 non può volare abbastanza in alto da attraversare le Montagne Rocciose.

Ma veniamo all’oggi. Washington è attualmente in agitazione a causa della Cina, che sta testando missili ipersonici con capacità nucleare. La Russia lo ha già fatto anni fa. I missili ipersonici differiscono dai missili balistici intercontinentali standard perché volano a un’altitudine molto più bassa e sono pensati per essere manovrabili (piuttosto che seguire una parabola prevedibile come un missile balistico intercontinentale). Questo, a sua volta, significa che presumibilmente possono eludere i sistemi di difesa missilistica americani di Star Wars. Tuttavia, come spiega in modo convincente Cockburn, ci sono potenti ragioni tecniche per credere che i missili ipersonici non funzioneranno mai come pubblicizzato.

Nel frattempo, con una piacevole simmetria, Star Wars non funziona e non funzionerà mai. Cockburn cita un progettista di armi del Pentagono negli anni ’60, che diceva ai nuovi assunti che avrebbero prodotto “armi che non funzionano per affrontare minacce che non esistono”. Gli esperti negli Stati Uniti, in Cina e in Russia devono tutti sapere che l’intero campo dei missili ipersonici è inutile, ma pubblicizzare la minaccia reciproca è un modo potente per il complesso militare-industriale di ogni paese per legittimare finanziamenti sempre più elevati, che ovviamente saranno pagati con le tasse dei cittadini, come nel 2019 ha fatto l’amministratore delegato di Lockheed Martin avviando una nuova struttura per sviluppare armi ipersoniche.

“La gente dice che il Pentagono non ha una strategia”, cita un ex colonnello dell’Air Force come dicendo: “Si sbagliano. Il Pentagono ha una strategia. È: ‘Non interrompere il flusso di denaro’”.

E che dire allora dell’Afghanistan? Di una guerra che si è conclusa dopo vent’anni e che ha riportato i talebani al potere? È stata un fallimento? Apparentemente sì, dice l’autore. Ma se controlliamo il portafoglio di titoli di appaltatori della difesa e visitiamo le enormi ville nei sobborghi della Virginia settentrionale che circondano il Pentagono, si vedrà che, in effetti, è stato un successo incredibile. Infatti i titoli del settore difesa hanno sovraperformato il mercato azionario complessivamente del 58% durante la guerra in Afghanistan. Inoltre, dato che i primi cinque maggiori appaltatori della difesa – Boeing, Raytheon, Lockheed Martin, Northrop Grumman e General Dynamics – hanno fatto la parte del leone, le restanti aziende hanno avuto rendimenti inferiori, come indicato in uno splendido articolo di The Intercept.

Vorremmo, per concludere, consigliare la lettura di questo libro ai numerosi strateghi militari europei e non che, quando non sono in malafede perché collusi con l’industria militare, dimostrano di avere uno scarsissimo senso della realtà, costruendo teorie astratte buone per agevolare la loro carriera accademica all’interno del mondo universitario o all’interno dei think tank, ma del tutto inutili per capire la realtà effettiva delle cose o per arrivare a una reale vittoria in ambito militare.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA