SPY STORY/ 2. La strana storia del Mossad che spia i palestinesi in Turchia

- Giuseppe Gagliano

Un giornale turco ha pubblicato l’intervista a un membro di una rete di spie del Mossad incaricata di spiare gli studenti palestinesi in Turchia. Ma Israele nega

erdogan 4 lapresse1280 640x300
Recep Tayyip Erdogan, presidente della Turchia (LaPresse)

Un noto periodico turco ha pubblicato un’intervista con un membro di una rete di spie che sarebbero state reclutate dal Mossad per sorvegliare gli studenti palestinesi che vivono in Turchia.

Come riportato dai media la scorsa settimana, l’intelligence turca ha annunciato l’arresto di 15 membri di un presunto anello di spionaggio per il Mossad. I media turchi hanno detto che i 15 individui sono stati arrestati il 7 ottobre durante le incursioni simultanee che hanno avuto luogo in quattro diverse province. L’operazione di controspionaggio per arrestare le presunte spie ha richiesto quasi un anno e ha coinvolto più di 200 ufficiali della Mit, l’intelligence turca.

Venerdì scorso, il giornale turco “Sabah” ha pubblicato una lunga intervista con una delle 15 presunte spie. Il giornale, che è politicamente allineato con il governo del presidente Recep Tayyip Erdoğan, si riferiva alla presunta spia usando le iniziali “M.A.S.”, che affermava di essere un cittadino turco reclutato dal Mossad. La presunta spia ha detto al giornale che è stato contattato per la prima volta nel dicembre 2018 da “un agente chiamato A.Z.” attraverso WhatsApp. Dopo aver fornito a questo individuo informazioni sulle università turche, gli sono stati inviati fondi tramite bonifici bancari Western Union. In altri casi è stato pagato da un uomo che ha incontrato in un mercato di Istanbul, dopo avergli mostrato la sua carta d’identità, insieme a una ricevuta che gli era stata inviata da A.Z.

Alla fine, M.A.S. ha detto di essere stato incaricato di recarsi in Svizzera, dopo aver prima ottenuto un visto per il suo viaggio attraverso una società chiamata European Student Guidance Center. “Sabah” sostiene che il viaggio di M.A.S. in Svizzera è stato pagato dal Mossad.

Mentre era in Svizzera, M.A.S. ha incontrato i suoi presunti gestori, che gli hanno insegnato come utilizzare la crittografia avanzata per l’invio di documenti e altre informazioni tramite applicazioni di posta elettronica sicure. Tuttavia, anche a quel punto non si rese conto che stava lavorando per un governo straniero, dal momento che i suoi gestori gli avevano detto che erano dipendenti di un’organizzazione di intelligence privata. Secondo “Sabah”, altri membri del presunto anello di spionaggio si sono incontrati con i loro gestori, all’estero, per lo più in Svizzera e in Croazia. La maggior parte sono stati pagati con criptovalute, trasferimenti internazionali convenzionali di denaro e talvolta conn gioielli d’oro o valuta estera.

È importante sottolineare che “Sabah” non ha reso noto come i suoi giornalisti siano stati in grado di accedere a M.A.S. dopo il suo arresto da parte delle autorità turche. Il governo turco non ha fatto alcuna dichiarazione ufficiale su questi arresti.

Sempre venerdì, un certo numero di personaggi pubblici israeliani, tra cui Ram Ben-Barak, ex vicedirettore del Mossad e attuale presidente della commissione per gli Affari esteri e la Difesa della Knesset, hanno affermato che “nessuno dei nomi pubblicati [in Turchia] era [di] spie israeliane”. Ben-Barak ha anche messo in dubbio la professionalità e le capacità del controspionaggio turco.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA