Stefania Sandrelli/ “Depardieu trincava dalla mattina alla sera. Su De Niro…”

- Mirko Bompiani

L’attrice Stefania Sandrelli tra carriera e vita privata: “Non sono io che faccio gaffe, ma sono le gaffe che mi vengono addosso”

stefania sandrelli
(Oggi è un altro giorno)

Il grande successo, le grande interpretazioni e molto altro: Stefania Sandrelli s’è raccontata a tutto tondo a Oggi è un altro giorno. L’attrice ha ripercorso la sua carriera, sottolineando di essersi sempre divertita, anche troppo, e parlando del suo legame con Gino Paoli: “Ci siamo incontrati l’altro giorno e abbiamo rimembrato le risate che ci facevamo a letto. Leggevamo Linus e ricordavamo tutte le vignette che ci facevano divertire. Lui è molto buffo e molto simpatico”.

Gino Paoli è stato il primo grande amore di Stefania Sandrelli: “Mi sono emozionata ricordando i momenti con Gino, anche perchè l’ho trovato meglio di come pensavo che stesse”. Tante le interpretazioni memorabili, a partire da “La chiave” di Tinto Brass: “Se non ci fosse la gravità… lo rifarei”.

STEFANIA SANDRELLI TRA DE NIRO E DEPARDIEU

Nel corso del dialogo con Serena Bortone, Stefania Sandrelli ha rimembrato il set di “Novecento” con De Niro e Depardieu: “Era una bella sfida tra i due, ma Robert… lui era raro raro. Gerard invece un po’ più dozzinale (ride, ndr). Depardieu trincava dalla mattina alla sera, si mangiava dei roast-beeffone alla mattina… Sobrio non era”. Stefania Sandrelli ha parlato dei ruoli “patetici” interpretati e ha ammesso di essersi sentita patetica anche nella vita: “Io più che patetica sono goffa. Non sono io che faccio gaffe, ma sono le gaffe che mi vengono addosso”. Non poteva mancare un ricordo dell’indimenticabile Gigi Proietti, con il quale ha spesso condiviso il palco: “In un film di Monicelli faceva tre ruoli. Lo spiai e rimarsi a guardarlo ridendo come una pazza. Un attore enorme, davvero”. Incalzata dalla padrona di casa, Stefania Sandrelli ha ricordato la morte del padre: “L’ho scoperto dai miei cugini. Lui sapeva di stare male. Mi regalò una biciclettina rossa prima di andarsene. Avevo tanto da fare e forse mi davo tanto da fare per superare il lutto”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA