Stefano Pioli: “Mi hanno rubato la medaglia scudetto”/ Lega A: ”Te la ridiamo noi”

- Davide Giancristofaro Alberti

Stefano Pioli durante il festeggiamenti per lo scudetto del Milan al Mapei Stadium, ha svelato: “Mi hanno rubato la medaglia”. Ecco cosa è successo

milan pioli
Pronostico Milan Lazio - Stefano Pioli, allenatore del Milan (Foto LaPresse)

Spiacevole disavventura per l’allenatore del Milan, Stefano Pioli, durante i festeggiamenti per lo scudetto conquistato ieri al Mapei Stadium dopo la vittoria contro il Sassuolo. Il tecnico del Milan si è visto rubare la medaglia dello scudetto in occasione della festa. Dopo le celebrazioni di rito con la coppa, i coriandoli e i cori, il popolo meneghino ha invaso il rettangolo di gioco dello stadio di Reggio Emilia, e Pioli ha deciso di non sottrarsi all’abbraccio soffocante dei suoi tifosi, ma proprio in quell’occasione qualche “simpatico” tifoso ha deciso di rubare dal collo del tecnico parmigiano, approfittando della ressa, la medaglia per la vittoria del tricolore 2021-2022.

A svelarlo è stato lo stesso allenatore del Milan, che subito dopo il fattaccio si è rivolto alle telecamere per fare un appello: «Mi hanno strappato la medaglia, è la prima che ho vinto e chiedo a chi l’ha presa di farmela riavere». Difficile che l’autore del gesto restituisca al mittente il suo prezioso cimelio, ma in ogni caso la Lega Serie A è venuta in soccorso del tecnico rossonero, pubblicando un post sul suo profilo ufficiale Twitter: “Ehi, mister Pioli, la medaglia te la diamo nuovamente domani”.

PIOLI E LE MEDAGLIA RUBATA: IL TECNICO E’ STATO IL PIU’ CELEBRATO DAL POPOLO DEL MILAN

Pioli è stato senza dubbio il più celebrato nella lunga nottata di ieri dal popolo del Milan, sulle note della hit “Pioli is on fire”, brano dance anni ’90 che i tifosi rossoneri hanno utilizzato come colonna sonora della cavalcata scudetto.

Il tecnico rossonero è stato composto fino all’80esimo, poi, sullo 0 a 3 e vedendo la tendenza del match, ha iniziato lentamente a sciogliersi, fino al triplice fischio finale che gli ha regalato la prima importante gioia della sua carriera: «Il giorno più bello – le parole dal prato del Mapei a caldo di Pioli – ringrazio il mio staff, i giocatori che mi hanno dato tutto e i nostri tifosi. Hanno detto che eravamo più forti con gli stadi vuoti e invece con la gente siamo migliori».







© RIPRODUZIONE RISERVATA