Techetechetè/ Ivana Spagna, Raf: su Rai Uno la musica dance degli anni Ottanta

- Dario D'Angelo

Techetechetè, questa sera su Rai Uno si balla al ritmo della musica dance anni Ottanta: da Ivana Spagna a Raf, pezzi di storia.

techetechete 20 agosto 2019 twitter
Techetecheté, foto da Twitter

Si preannuncia una serata al ritmo di musica dance anni Ottanta su Rai Uno: Techetechetè di stasera è dedicata infatti ai brani più ballati in discoteca dal 1980 al 1989 raccolti da Salvo Guercio in quello che l’account Twitter della trasmissione definisce un “non-stop imperdibile”. Ma quali sono i protagonisti di quest’epoca indimenticabile ed indimenticata? Si parte da Ivana Spagna, l’artista che in quegli anni cantava in inglese brani diventati delle vere e proprie hit come “Easy Lady”, “Call me” e “Dance Dance Dance”, che vinse il Festivalbar del 1987, smentendo così la casa discografica che di lei disse “una cantante italiana che si chiama Spagna e che canta in inglese non avrà mai successo”. Una bella soddisfazione, soprattutto alla luce di una carriera che poi è andata ben oltre dagli anni Ottanta.

TECHETECHETE’, MUSICA DANCE ANNI ’80

Techetechetè stasera fa un tuffo indietro negli anni Ottanta e protagonisti sono allora alcuni dei volti che hanno caratterizzato quell’epoca. Il riferimento è a personaggi come Raf, e in questo senso è inevitabile un ascolto del brano il cui ritornello malinconico ci accompagna da sempre:”Cosa resterà di questi anni Ottanta?”. Raf, pseudonimo di Raffaele Riefoli, che in quegli anni ha anche meritato la ribalta con album che per i suoi fan sono di fatto pezzi di storia. Esempi? “Self control”, suo primo successo discografico, cantato in lingua inglese, da cui verranno estratti quattro singoli: la title-track, brano pop-rock che scala le classifiche grazie anche a una versione della statunitense Laura Branigan; Change Your Mind; London Town; e Hard. Quali saranno gli altri protagonisti della puntata di Techetechetè in versione anni Ottanta? Lo scopriremo a partire dalle ore 20:30 su Rai Uno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA